Accedi13/24°

"Non c'è alternativa all'accordo con la Germania"

Il fallimento dell'accordo fiscale con la Germania sarebbe fatale per la piazza finanziaria elvetica, dichiara Patrick Odier

"Non c'è alternativa", ha dichiarato il ginevrino Patrick Odier, presidente dell'Associazione svizzera dei banchieri, in un'intervista pubblicata dalla "Sonntagszeitung".

Interrogato su una possibile rifiuto del testo da parte del Parlamento federale, Odier sostiene che i partiti non possono affossare l'obiettivo di garantire la piazza economica elvetica e salvaguardare così posti di lavoro. "Sia il PS che l'UDC lo sanno". "L'accordo rappresenta la migliore soluzione per risolvere una volta per tutte la questione dei fondi non dichiarati al fisco", aggiunge il presidente dell'ASB. "Non è possibile che questa soluzione sia minacciata da questioni di politica interna".

Il ginevrino si aspetta che anche le banche si impegnino a favore di questo accordo e del modello dell'imposta liberatoria. Lo scambio automatico di informazioni - appoggiato da alcuni banchieri come il responsabile delle casse Raiffeisen, Pierin Vincenz - non sono compatibili con la strategia della piazza finanziaria.

Quanto ai negoziati con gli Stati Uniti, Odier sottolinea l'importanza di giungere ad una soluzione globale per tutti gli istituti di credito. "Non vogliamo che altre banche svizzere finiscano nel mirino degli americani".


ATS
Adele | 6 mag 2012 11:40