Accedi13/22°

FFS ricorrono a TF contro esigenze handicappati

Le FFS ricorrono a Losanna contro la sentenza del Tribunale amministrativo federale (TAF), che il mese scorso, accogliendo parzialmente un ricorso di due organizzazioni in difesa dei disabili, ha ordinato alle Ferrovie di modificare l'infrastruttura dei nuovi convogli a due piani. Secondo le FFS, i nuovi treni che devono sostituire gli IC2000 sono conformi alle disposizioni previste per le persone a mobilità ridotta.

Il ricorso al Tribunale federale ha soprattutto l'obiettivo di ottenere una sicurezza giuridica, ha indicato oggi la compagnia ferroviaria in una conferenza stampa a Berna. La sentenza del TAF rischia infatti di causare "problemi riguardo al rispetto dei criteri di accessibilità per gli handicappati in occasione di futuri acquisti", sostengono le FFS.

L'Ufficio federale dei trasporti (UFT) ha dato via libera alle nuove carrozze a due piani ordinate alla società Bombardier, rammenta la compagnia ferroviaria. Queste dispongono di accessi a pianale ribassato, otto posti per sedie a rotelle, WC per disabili e un servizio di catering.

Le due organizzazioni pro disabili che hanno presentato ricorso al TAF contro il piano approvato dall UFT hanno ottenuto diverse modifiche. In una sentenza pubblicata il 15 marzo, il tribunale ha imposto alle Ferrovie di spostare tre posti riservati agli handicappati così come i bagni adattati per le sedie a rotelle. Inizialmente previsti all'interno dei vagoni ristorante, dovranno essere installati in una delle vetture vicine. Altrimenti, i portatori di handicap sarebbero obbligati a viaggiare nella carrozza ristorante, fatto criticato dai ricorrenti.

Il TAF ha invece respinto la richiesta di installare un ascensore per salire al piano superiore dei futuri vagoni ristorante dell'IC200, rilevando che si tratta di un'operazione non realizzabile: causerebbe problemi di sicurezza e funzionalità, oltre che economici.

Le FFS sono contrarie alle modifiche, poiché i costi lieviterebbero di una decina di milioni di franchi. Inoltre la fornitura e l'entrata in servizio dei nuovi convogli verrebbero parecchio ritardate. I nuovi treni saranno messi in servizio probabilmente alla fine del 2015 invece che nel 2013 come previsto inizialmente.


ATS
ATS | 27 apr 2012 15:51