Accedi11/23°

Crescono occupati e frontalieri

Gli impieghi sono aumentati anche nel quarto trimestre del 2011 in Svizzera: +2,6%. Netto aumento dei frontalieri

Gli impieghi sono aumentati anche nel quarto trimestre del 2011 in Svizzera. Il numero degli occupati è salito del 2,6% rispetto al periodo corrispondente del 2010, mentre nell'Unione europea è rimasto stabile. Netto aumento per i lavoratori frontalieri.

Nella Confederazione il numero degli occupati si è attestato a 4,766 milioni, indica l'Ufficio federale di statistica (UST) in una nota odierna. Di questi 3,419 milioni (+1,4%) erano cittadini svizzeri. Per gli stranieri è stata rilevata una progressione del 5,8% a 1,346 milioni. L'incremento per i lavoratori frontalieri è stato del 9,1% (a 254'000).

Da un anno all'altro il numero degli uomini occupati è aumentato del 2,7% (a 2,628 milioni), quello delle donne del 2,3% (a 2,137 milioni), osserva l'UST.

Secondo i criteri definiti dall'Ufficio internazionale del lavoro (ILO), nel quarto trimestre dello scorso anno 186'000 persone risultavano disoccupate, pari a un calo di 1000 su base annuale; il relativo tasso è sceso dal 4,2% del quarto trimestre 2010 al 4,1%. Nell'UE è passato nel contempo dal 9,6 al 9,9%.

Nel periodo in esame i lavoratori a tempo parziale erano 1,505 milioni, in crescita di 30'000, di cui 282'000 sottoccupati, ossia persone che vorrebbero lavorare di più e sarebbero disponibili a farlo entro breve. Il tasso di sottoccupazione è rimasto invariato al 6,1%, si legge nel comunicato.

Per disoccupato ai sensi dell'ILO si intende una persona che non esercitava alcuna attività lavorativa nella settimana di riferimento, che ha cercato un impiego nelle quattro settimane precedenti e che era disponibile ad accettare un lavoro.
joe | 29 mar 2012 11:32