Accedi
Commenti

Prestigioso riconoscimento per un chirurgo ticinese

Il Dr. Gianni Rigoni è il primo ticinese a ricevere il titolo di socio onorario dalla Società Svizzera di Chirurgia della Mano

Il chirurgo della mano Gianni Rigoni è il primo ticinese ad essere insignito del titolo di socio onorario dalla SSCM la Società Svizzera di Chirurgia della Mano. Il prestigioso riconoscimento è stato assegnato giovedì 16 novembre durante il Congresso Nazionale di Chirurgia della Mano che si è svolto a Thun. 

Il Dr. Rigoni, classe 1946 di Gentilino, ha aperto nel 2003 il suo studio privato di chirurgia della mano in Clinica Sant'Anna, allora diretta dalla famiglia Sarra, dove è stato anche Direttore Sanitario. Precedentemente, nel 1987, lo specialista aveva collaborato con la stessa famiglia alla costituzione della Clinica Ars Medica di Gravesano. Il Dr. Rigoni è specializzato in chirurgia della mano ed è riconosciuto a livello ticinese e nazionale come una delle massime autorità in questo campo.

Ottenuta la maturità scientifica al Collegio Papio di Ascona, il Dr. Rigoni si è laureato nel 1973 alla facoltà di medicina all'Università di Zurigo. Successivamente si è specializzato in chirurgia generale all'Ospedale Waid di Zurigo e in traumatologia generale e chirurgia della mano all'Ospedale Universitario di Zurigo. Nel 1983 è rientrato in Ticino dove ha collaborato con numerose strutture ospedaliere: Ospedale Civico, Ospedale Italiano, Ospedale Beata Vergine, Ospedale San Giovanni, Ospedale del Malcantone e l’Ospedale di Castelrotto.

Al Dr. Ivan Tami, che siede nel comitato direttivo della Società Svizzera di Chirurgia della Mano, e che è attivo in Clinica Ars Medica come Specialista FMH in Chirurgia della Mano, è andato il piacere di fare la laudatio del collega che si è conclusa con le parole: “Caro Gianni, ancora oggi sei attivo professionalmente e noi chirurghi della mano sappiamo che possiamo rivolgerci a te per attingere alla tua esperienza grazie alla tua enorme generosità! Grazie, grazie di cuore da tutti noi!".

Redazione | 1 dic 2017 11:29

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'