Accedi
Commenti 1

"Non introdurremo i controlli di identità"

HCAP e Valascia Immobiliare valuteranno "altre misure di sicurezza più adatte". A gonfie vele la vendita delle tessere

L'HCAP comunica che il suo appello a rinnovare e accrescere il numero di tessere annuali per la stagione 2018-19 sta raccogliendo una larga adesione, e che il tesseramento procede a ritmo superiore a quello delle scorse stagioni. È stata oggi raggiunta la soglia delle 1500 tessere vendute, mentre poco meno di mille sono state già prenotate. L’obbiettivo, si legge nel comunicato del club biancoblu, delle 3000 tessere vendute si sta dunque avvicinando, e la società si augura di poter dare un’ulteriore positiva notizia in occasione della presentazione della squadra il prossimo 29 luglio.

Onde rispondere ai numerosi interrogativi giunti dal pubblico in queste settimane, l’HCAP e la Valascia Immobiliare SA precisano che, sentite anche le autorità competenti, non è prevista l’introduzione del controllo generale di identità del pubblico all’entrata dei settori HCAP. Sono state invece già prese – e sono ancora allo studio – altre misure ritenute più adatte a migliorare la sicurezza ed evitare in futuro incidenti come quelli del 14 gennaio 2018.

Infine, con riferimento alle voci circolate nelle scorse settimane in merito al finanziamento del Nuovo Stadio multifunzionale di Ambrì, le due società ribadiscono che intendono comunicare pubblicamente solo notizie attendibili e confermate, ma che tale momento sembra avvicinarsi concretamente. Quanto ai Comuni della regione, i cui Municipi si sono detti disposti a sostenere concretamente il progetto, riceveranno informazioni precise sulla forma che questo sostegno potrebbe assumere, non appena conclusi i negoziati bancari.

Redazione | 11 lug 2018 11:39

Articoli suggeriti
Decisa replica della Gioventù Biancoblù alla proposta del direttore del Dipartimento istituzioni di schedare e fotografare i tifosi
La proposta anti-facinorosi non convince. In queste ore le società sportive di calcio e hockey hanno risposto al DI
La 'ricetta' di Norman Gobbi: controlli per il solo settore ospiti di Cornaredo, estesi a tutti nelle piste di ghiaccio
Gli Ultras FC Lugano contro Gobbi: "Controllare l'identità dei tifosi è una misura liberticida"
La proposta del direttore del DI Norman Gobbi di introdurre l'identificazione facciale non piace a tutti
Il direttore del DI: "I club collaborativi perché stanno considerando seriamente il problema della violenza"
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'