Accedi
Commenti 1

Tentativo di combine: "Vanno debellati dal calcio"

Il DG del Chiasso Bignotti tuona contro i soggetti che hanno tentato di corrompere alcuni calciatori. "Sappiamo chi sono"

Tutte le mattine si alzano un furbo e un fesso. Se si incontrano l’affare è fatto. Per fortuna a Chiasso non è andata così, ma siamo di fronte ad un altro triste capitolo di sport. Che, a dire la verità, niente avrebbe a che vedere con questo esercizio. Ma le erbacce, si sa, crescono un po’ ovunque. E quindi eccoci qui a raccontarvi dell’ennesimo tentativo di truffa sportiva che però alcuni giocatori rossoblu hanno avuto il coraggio di denunciare.

“Alcuni soggetti hanno avvicinato dei nostri giocatori per convincerli a manipolare l’esito di alcune partite. Loro hanno segnalato la cosa alla SFL e mi hanno avvertito”, ha spiegato un furioso DG Nicola Bignotti ai microfoni di TeleTicino. Uno dei corruttori è risultato essere un ex giocatore che ha calcato i campi da calcio ticinesi.

Ben fatto e tanto di cappello a chi, trovatosi in una situazione probabilmente anche golosa, ha saputo mantenere la retta via. Dall’altro lato, davvero un brutto gesto, una vergogna, la nobiltà d’animo sta di casa da tutt’altra parte. Il terreno però è certamente più fertile in un campionato dove i giochi, per quanto concerne la retrocessione, sono ormai fatti. Affari loschi, tresche e combine sono dietro l’angolo.

"Bisogna giocare per vincere e per ottenere il miglior risultato sportivo a fine stagione - ha tagliato corto Bignotti - Questi soggetti vanno debellati dal calcio. Sono la rovina del sistema. Parlerò con la sicurezza del Riva IV. Faremo il necessario per tenerle lontane e segnaleremo nomi e cognomi alla SFL".

Tutti dettagli nel servizio di TeleTicino delle 18.45

Sere | 8 feb 2018 19:15

Articoli suggeriti
Il club rossoblu sporge denuncia alla magistratura per tentativi di manipolazioni di gare del campionato
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'