Accedi
Commenti 5

Il Wohlen non giocherà più in Challenge League

Il club ha deciso di non richiedere la licenza per la stagione 2018/2019 a causa di problemi finanziari

Livio Bordoli ha già raggiunto l'obiettivo salvezza con il Winterthur ancora prima di scendere in campo. Ironia della sorte, il Wohlen ha annunciato nel pomeriggio che non richiederà la licenza per disputare il prossimo campionato di Challenge League.

A monte della decisione, vi sono le grandi difficoltà a trovare nuove risorse finanziarie per il prossimo anno. I requisiti posti dalla Swiss Football League per rimanere in "Serie B", fa sapere il club, non sono più sostenibili. La società comunica inoltre che i finanziamenti per la seconda parte del campionato attualmente in corso sono comunque assicurati. 

Un colpo duro per il calcio svizzero, visto che il Wohlen resisteva in Challenge League da ben 16 anni. La prossima stagione la squadra potrebbe giocare in Prima Lega promotion oppure in Seconda interregionale, dove attualmente disputa il campionato la U23. L'anno scorso era toccato al Le Mont fare marcia indietro, sempre per motivi finanziari.

 

 

 

Redazione | 3 gen 2018 16:01

Articoli suggeriti
Il tecnico verzaschese ritrova la Challenge League dopo due anni: "Qualcosa di buono in passato è stato fatto"
Il ticinese torna in panchina in Challenge League. Toccherà a lui risollevare gli zurighesi, al penultimo posto in classifica
Il presidente del Le Mont spiega i retroscena del ritorno nel calcio regionale della sua squadra
Vistosi negare la licenza in prima istanza, il club retrocederà a fine stagione. Chiasso e Wil salvi (sul campo)
Vistosi negare la licenza in prima istanza, il presidente Duperret ha deciso di gettare la spugna. Il Chiasso può tirare un sospiro di sollievo
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'