Accedi
Commenti 3

Constantin, "ci si poteva aspettare qualcosa di più"

L'avvocato Canevascini commenta la doppia sanzione decisa dalla SFL nei confronti del presidente del FC Sion

La doppia sanzione decisa dalla Commissione disciplinare della SFL nei confronti del presidente del FC Sion Christian Constantin - 14 mesi di interdizione dagli stadi e 100'000 franchi di multa - non stupisce l'avvocato Brenno Canevascini, il massimo esperto di diritto sportivo nel nostro Cantone.

"Probabilmente ci si poteva aspettare qualcosa di più incisivo" dichiara l'avvocato, da noi contattato per un commento alla sentenza sull'aggressione a Rolf Fringer. "Sarebbe interessante vedere i dettagli della sentenza (non ancora pubblicata, n.d.r.) per capire quali sono i parametri alla base della decisione."

L'avvocato Canevascini sottolinea che "come tutte le pene sanzionatorie, oltre che avere un carattere repressivo, devono avere anche un carattere preventivo e deterrente. Questo mi sembra l'aspetto più importante. C'è da sperare che questa sanzione, comunque significativa, possa fungere da deterrente per evitare altri casi simili."

A memoria d'uomo, il legale non ricorda comunque altre sanzioni così pesanti da parte della Commissione disciplinare della SFL. "La più severa che mi ricordo è quella risalente al 1989 nei confronti di alcuni giocatori del Wettingen che avevano aggredito l'arbitro, al termine di una partita contro il Sion. I giocatori squalificati erano stati quattro, rispettivamente per 12, 10, 8 e 4 mesi."

"Per un giocatore una squalifica di 12 mesi è sicuramente più pesante che per un presidente, perché al giocatore viene a mancare la competizione" afferma l'avvocato Canevascini. "È vero che Constantin è un presidente che è sempre molto presente con la squadra, ma lui potrà continuare a svolgere le sue funzioni tranquillamente, potrà continuare a gestire la società. Gli mancherà il contatto con la squadra in occasione delle partite, ma potrà organizzarsi diversamente."

AS

 

Redazione | 12 ott 2017 12:08

Articoli suggeriti
Fringer ha denunciato il presidente del Sion, che a sua volta lo accusa di diffamazione, ingiuria e coazione
Il presidente del FC Sion afferma che domenica sarà al Tourbillon. "Vogliono la guerra, avranno la guerra"
Il presidente del FC Sion non potrà entrare neanche in tribuna o negli spogliatoi. "Violazione molto grave"
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'