Accedi
Commenti 13

"FC Lugano, tre motivi per crederci"

Luca Sciarini analizza i motivi per cui stasera i bianconeri potrebbero fare l'impresa a Tel Aviv

Stasera è la grande notte del Lugano, che in Israele esordisce in Europa League. L'avversario di turno l'Hapoel Be'er Sheva, probabilmente non tra le squadre più forti d'Europa ma una compagine tignosa, con alcuni elementi di ottimo livello come l'attaccante ex Barcellona Isaac Cuenca e una tifoseria calda, pronta a spingere i propri beniamini.

Ma per Luca Sciarini, responsabile sport di Teleticino, ci sono almeno tre motivi per crederci e sognare...

ENTUSIASMO
"Inutile nascondersi: il Lugano non parte certo favorito. Ma essere l'underdog di turno non è necessariamente uno svantaggio. I bianconeri giocheranno senza nulla da perdere, con molti giocatori che per la prima volta si affacceranno per la prima volta a una vetrina europea, con uno stadio pieno e caloroso. Chissà che questa atmosfera non dia quella scarica di adrenalina supplementare alla compagine luganese..."

TATTICA
"A parte la partita contro lo Young Boys, dove i bianconeri si sono ritrovati in inferiorità numerica, il Lugano ha dimostrato di rendere meglio contro le squadre che fanno la partita, sfruttando la difesa solida e le rapide ripartenze per far male agli avversari. E, con l'Hapoel Be'er Sheva che cercherà di sfruttare il fattore campo e attaccare, potrebbero aprirsi spazi interessanti per gli attaccanti bianconeri".

BOMBER
"A parte Alexander Gerndt, che ha dimostrato di essere un bomber di razza, gli altri attaccanti stanno facendo ancora fatica. Questa potrebbe quindi essere la serata magica per uno di loro, magari Younes Marzouk o Mattia Bottani. Per quest'ultimo sarebbe il riscatto dopo aver privato dell'Europa League il Lugano un anno fa, sbagliando il rigore in finale di Coppa Svizzera. Insomma, se risultasse decisivo domani sarebbe la bella chiusura di un cerchio..."

MS

Redazione | 14 set 2017 06:10

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'