Accedi
Commenti 4

"Abbiamo ancora molte frecce al nostro arco"

Renzetti commenta il momento positivo del Lugano, conferma Cümart e saluta Scienza: "Grande stima per lui"

Una delle note liete del Lugano quindi in classifica è senza dubbio il pacchetto arretrato composto da Eray Cümart, Fulvio Sulmoni e Vladimir Golemić, con in particolare il 19enne ex Basilea che si è subito inserito negli schemi di mister Tramezzani. Nonostante la giovane età, il centrale di origine turca resterà un pilastro della retroguardia bianconera anche durante la prossima stagione.

A confermarlo, ai nostri microfoni, lo stesso presidente bianconero Angelo Renzetti (che proprio ieri ha compiuto 63 anni): “Rimarrà anche l’anno prossimo, faremo valere l’opzione per il prestito anche per la stagione 2017/2018”. Un percorso simile a quello del portiere Mirko Salvi, dunque. Un altro giocatore che in poche settimane si è ritagliato un posto da titolare. Un altro giovane che ha saputo emergere in riva al Ceresio. “La nostra difesa è giovane – conferma Renzetti – il mister è stato bravo a valorizzare i ragazzi in rosa”.

La solidità difensiva è il riflesso di quella di tutto il gruppo, così ancora Renzetti: “La solidità del gruppo si vede in campo. Anche in momenti di crisi la società è riuscita a rispondere bene, quando necessario con un mea culpa e soprattutto con i risultati sul campo”.

“Abbiamo una rosa importante – prosegue il presidente – Abbiamo vinto partite anche senza Sadiku o Alioski. La squadra c’è e c’è sempre stata: nella prima fase del girone di andata abbiamo fatto benissimo, nella seconda ci sono state diverse difficoltà arbitrali e una gestione di alcune situazioni da parte della panchina che non sono state all’altezza. La prima fase del girone di ritorno sta andando bene e speriamo di continuare così”.

“Abbiamo trovato la quadratura del cerchio e in squadra c’è armonia, le premesse ci sono tutte Con questo gioco ci crediamo”. Ma il Lugano, ribadisce il presidente, non è solo Sadiku e Alioski (giocatori che in estate andranno sostituiti): “Abbiamo ancora tanta frecce al nostro arco: Machin e Ceesay sono fuori, ma anche loro torneranno utili. Ceesay, ad esempio, ha grandi qualità nella corsa e può veramente spaccare le partite. Il mister, infatti, vuole confermarlo”.

Tornando al mercato, come detto i due pezzi da novanta Sadiku e Alioski lasceranno con ogni probabilità Cornaredo e la società dovrà lavorare per trovare i giusti sostituti. Ma non è solo nel reparto avanzato che occorrerà investire. Dall’Italia si parla di un concreto interesse per Luca Andrea Crescenzi, 25enne difensore scuola Lazio attualmente al Pisa. Secondo Tuttomercatoweb, Crescenzi sarebbe stato bloccato per la prossima stagione.

“Era un’opportunità in scadenza di contratto – ci conferma Renzetti – È nei nostri piani ma dovremo ancora fare le nostre valutazioni”. Che possa sostituire Orlando Urbano, ultimamente finito ai margini della squadra?

In conclusione, Renzetti spende due parole per Giuseppe Scienza, l’ormai ex allenatore del Chiasso. “Non entro nel merito della decisione della società, che immagino non sia stata presa solo per motivi sportivi. Ho però grande stima per Scienza: con dei giovani è riuscito a creare una squadra unita, valorizzandoli”.

 

nic

Redazione | 20 apr 2017 14:10

Articoli suggeriti
INTERVISTA a Kubilay Türkyilmaz, da Basilea a Lugano, passando per Wil. "Cümart ha fame. Golemic mi ricorda Chiellini"
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'