Accedi
Commenti 1

Bignotti: "A Chiasso serviva la svolta"

La dirigenza prova a spegnere le polemiche scoppiate dopo l'esonero di Scienza: "Salvezza imprescindibile"

Dalle parti del Riva IV in questi giorni indubbiamente l'ambiente non è dei più sereni. A molti tifosi e addetti ai lavori non è piaciuto l'esonero dell'allenatore Giuseppe Scienza, avvenuto dopo la pesante sconfitta contro il Neuchâtel Xamax e alla vigilia dell'importantissima sfida salvezza con il Wil.

Ieri sera, pure l'addetto stampa del FC Chiasso ha espresso sul sito della società il suo dispiacere per l'esonero di Scienza, scusandosi per il contenuto del comunicato pubblicato dalla società, "volutamente stringato e non farcito d’ipocrisia dove non è emerso (il dispiacere ndr), e di questo me ne scuso". 

La società, per bocca del Direttore Generale Nicola Bignotti, ha quindi deciso di fare chiarezza attraverso una nota pubblicata sul sito della società, "dopo le tante inesattezze e polemiche, lette sui social network e sui media".

“La squadra era piatta e non aveva più entusiasmo - sostiene il dg - Si allenava e giocava in maniera piatta, per questo, dopo le ultime due sconfitte, la società ha deciso di dare la scossa col cambio alla guida tecnica. Ringraziamo Scienza per il lavoro svolto e gli va dato il merito di aver lavorato in una situazione tecnica devastante. Le problematiche finanziarie hanno influito anche sul suo lavoro, purtroppo, come gli ho spiegato, ha pagato anche colpe che non sono sue”.

La scelta di Raineri e il futuro

Sul perché della scelta di mister Raineri: “E’ un allenatore che conosce il Campionato ed è arrivato con grande entusiasmo, abbiamo letto diverse critiche sulla scelta del nuovo allenatore, ma anche quando è arrivato Scienza sulla panchina del Chiasso era stata criticata la scelta della società ed etichettato come l’ennesimo allenatore italiano che non conosceva il Campionato Svizzero. I giudizi però vanno dati dopo, quelli a priori sono sbagliati e poco oggettivi. In questi giorni la squadra ha capito cosa vuole la società e sta lavorando con grande intensità e con un entusiasmo ritrovato”.

Ora la dirigenza chiede alla squadra di ottenere sul campo la salvezza: “Ci aspettiamo di salvarci, siamo convinti che con l’andamento delle ultime gare questo non sarebbe successo. E’ troppo facile dire che al Wil toglieranno punti, a noi questi ragionamenti non interessano e pensiamo solo al campo. Non possiamo permetterci di retrocedere, le conseguenze sarebbero importanti non solo dal punto di vista sportivo, ma anche sul lato finanziario. Stiamo avvicinando diversi soggetti per avere degli aiuti economici e rilanciare la squadra ma qualora dovessimo retrocedere questi si allontanerebbero”.

Per quanto riguarda invece la questione societaria: “Nonostante quello che si continua a scrivere, la proprietà non è cambiata e in piena sintonia con loro, combattiamo tutti i giorni per cercare di risolvere i problemi quotidiani, quelli legati alla licenza e per la sopravvivenza a 360 gradi di questa squadra. Abbiamo ereditato una situazione devastante dal punto di vista finanziario, con un buco faraonico e non dimentichiamoci che a luglio dell’anno scorso eravamo tecnicamente falliti”.

Il FC Chiasso tiene quindi anche a smentire, la "presunta discussione animata, di cui si è parlato in queste ore, tra il Direttore Generale e Giuseppe Scienza alla fine della gara contro lo Xamax". In proposito, Bignotti, a nome della società momò, "vuole ancora una volta ringraziare Giuseppe Scienza per la professionalità e l’impegno con cui ha guidato la prima squadra nonostante le innumerevoli difficoltà".

 

Redazione | 20 apr 2017 12:59

Articoli suggeriti
Otto Stephani, Christian Boscolo e Mattia Croci Torti collaboreranno nel nuovo staff tecnico del Chiasso
Fanalino di coda in Challenge League, il club licenzia l'allenatore. Già oggi la squadra passa a Raineri
Gli uomini di Scienza sono stati sconfitti per 3-0 dallo Xamax
Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'