Accedi
Commenti 1

"Basta valorizzare, adesso pensiamo a salvarci"

Dopo la partenza di Lurati da Chiasso il dg Bignotti prende posizione

La partenza di Ivan Lurati da Chiasso verso Sion (vedi articolo) è una notizia dalla doppia faccia. Contenti per il giovane e per l'occasione ricevuta ma... Ecco la visione del direttore generale rossoblu Nicola Bignotti.

"Sicuramente è un onore e un vanto ma è anche un peccato perderlo a metà stagione. La volontà del giocatore è stata molto chiara, perché non ha dato la minima possibilità di restare a Chiasso altri sei mesi dal momento in cui è stato contattato dal Sion. "

C'è quindi rammarico per come si è evoluta la trattativa?

"Mi spiace non aver avuto modo di trattare, anche se dal punto di vista finanziario era chiaramente difficile controbattere a questo tipo di offerta. Tuttavia per un giovane secondo me dovrebbero esserci anche altri aspetti oltre a quello finanziario, per esempio quello formativo. Per me sarebbe stato meglio che lui finisse questo campionato a Chiasso, ma spero che facciamo molto bene a Sion. L'abbiamo sempre detto, dobbiamo valorizzare i giovani e per Lurati è stato così. Ma adesso la priorità diventa la salvezza e non valorizzare i giovani, per quello ci penseremo da giugno."

La partenza di Lurati le ha fatto cambiare idea sul progetto di valorizzazione dei giovani?

"Non ho cambiato idea però secondo me il termine "valorizzare" ha un significato e sono molto rammaricato di non averlo potuto fare al meglio con Lurati, poi sono un dipendente e mi adeguo. Non sono venuto a Chiasso per retrocedere ma adesso facciamo la squadra per salvarci a tutti i costi. Non che prima non fosse così, ma ha ragione Beppe Scienza che si aspetta dei giocatori, e li avrà. È giusto così."

A seguito della partenza di Lurati ci sarà un arrivo in difesa?

"Anche se sembriamo degli sprovveduti non lo siamo e non appena è nata la trattativa tra Lurati e il Sion ci siamo mossi, i nomi ci sono e abbiamo già parlato ma per adesso non ne facciamo. Spero che lunedì sia già con noi, il giocatore conosce il campionato svizzero, anche se non è svizzero, e secondo noi nel breve rinforzerà la difesa. Ma non sarà da valorizzare perché ha 26/27 anni."

Cosa prevede ancora il mercato rossoblu?

"Stiamo valutando un attaccante ma sicuramente cercheremo qualcuno che ci può dare un contributo importante. Aspettiamo di chiudere con il Brescia per Said (Mhando Carte Said, Tanzania, classe 1997, centrocmapista offensivo, ndr). Ed inifine stiamo parlando con alcuni club di Super League per inserire altri uno o due giocatori svizzeri." 

A livello societario invece come procede la situazione?

"Ci sono dei pour parler e andremo avanti a chiacchierare con queste persone che si possono avvicinare alla società. Sicuramente c'è qualcosa di concreto, ma che sia chiaro: la prima cosa che vogliono queste persone è che il Chiasso faccia la Challenge League altrimenti non si avvicina nessuno."

Sere

 

 

Sere | 12 gen 2017 19:15

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'