Accedi11/23°

Il Bellinzona soffre, ma vince

Il derby della Capitale ai granata ma il Locarno li fa sudare fino all'ultimo minuto

Il dopo Ponte si apre con una risicata vittoria. Il Bellinzona batte a fatica il Locarno (2-1) e si aggiudica il terzo derby stagionale.

Ancora in alto mare il capitolo allenatore. A fine partita il presidente Giulini ha dichiarato: "abbiamo due settimane di tempo per decidere, in questo momento non voglio assolutamente pensarci, voglio godermi soltanto questa vittoria. Sudata e ottenuta col cuore."

Il Bellinzona ha cambiato sistema di gioco passando al 4-2-3-1 che non ha certamente mutato il quadro tecnico generale che continua ad essere fragile e piuttosto prevedibile. Tant'è vero che un Locarno molto ben disposto in campo lo ha fatto tremare a lungo. Anche il tecnico ad interim Antonio Tavares non era molto soddisfatto della prestazione, anche se "che contava era la vittoria e in più ritrovare carattere e grinta. Dobbiamo lavorare ancora molto. Resterò? Francamente è l'ultima cosa che mi interessa, penso già al derby con Chiasso."

La partita è stata caratterizzata dal gran caldo (+36) e per questo motivo è risultata piuttosto brutta. Dopo un'occasionissima sprecata da Pacarizi al 24esimo, il Bellinzona è andato in vantaggio al primo minuto di recupero grazie al rientrante Ciarrocchi, abile a sfruttare un errore avversario. Ma il Locarno ben ispirato dal tandem Martignoni-Imren ha pareggiato al quinto minuto della ripresa con Rapp. A questo punto il Bellinzona ha cominciato a tremare finche al 65esimo Yakin ha messo finalmente il suo sigillo sulla partita. Su di lui, così Tavares:"ha ritrovato entusiasmo, è un giocatore fondamentale per noi."

Nel finale di partita l'inutile assedio del Locarno alla porta dell'attento König. Per mister Maccoppi qualche motivo di rimpianto.


M.A.
minols | 19 ago 2012 08:19