Accedi13/22°

Sadiku: ore decisive

Ieri il Locarno ha incontrato una squadra tedesca: ma anche le altre pretendenti non mollano. E il Lugano...

Quale sarà il futuro di Armando Sadiku?
È forse questo il vero rebus del mercato estivo.
Sabato l'attaccante albanese ha giocato qualche minuto con le maglia del Locarno (0-5 contro il Winterthur): che sia stata l'ultima apparizione?
Forse no, ma tutto fa credere che la sua cessione sia ormai vicinissima.
Ieri sera i dirigenti del Locarno (in poche parole papà e figlio Gilardi) hanno incontrato i rappresentanti della squadra tedesca dell'Union Berlin.
I tedeschi hanno fatto la loro offerta che si aggira attorno al mezzo milione di euro (con le bianche casacche che potrebbero però mantenere una piccola percentuale su eventuali rivendite del giocatore). Ora tocca al Locarno e all'entourage di Sadiku decidere se accettare o meno.
È un'offerta più o meno simile di quella proposta già un mese fa dal Rostov: quando l'accordo sembrava fatto la squadra russa aveva però cambiato il suo direttore generale e la trattativa andò in fumo.
I tedeschi sembrano però più determinati e a Locarno ci si è alzati dal tavolo con la convinzione di aver fatto un passo avanti importante verso la chiusura della trattativa.
Tutto fatto dunque? Nemmeno per sogno.
Perché è di ieri la notizia che anche il Torino avrebbe messo gli occhi su Sadiku: le due parti si sarebbero addirittura già incontrate. Per ora c'è solo un'offerta verbale, ma è probabile che nelle prossime ore la trattativa possa avanzare. Il Toro prenderebbe il giocatore per poi girarlo in prestito a un'altra squadra italiana.
Ultimo, ma non in un'ipotetica classifica di aspiranti acquirenti, il Lugano di Renzetti. Il rapporto tra il presidente del Lugano e quello del Locarno Stefano Gilardi è piuttosto solido e di lunga data e la prima proposta fatta dai bianconeri non è troppo lontana da quella dell'Union Berlin.
Un altro piccolo sforzo e chissà che davvero non si possa arrivare al colpo di scena che i tifosi del Lugano sognano: Sadiku in bianconero. Lo vorrebbe naturalmente Morandi, tecnico del Lugano, ma a questo punto anche il giocatore.
Sarebbe in fondo la soluzione migliore per tutti.
Renzetti ha tempo fino a venerdì, giorno della presentazione della squadra, per piazzare il colpaccio.
Ce la farà?

Luca Sciarini
luke | 17 lug 2012 01:30