Accedi13/22°

Behrami smentisce Rossi

Il centrocampista ticinese della Fiorentina difende il compagno di squadra Ljajic preso a pugni dall'allenatore

Ha ricevuto il premio "Uno di noi", uno dei trofei più ambiti dai giocatori viola visto che il riconoscimento viene assegnato dai tifosi. Il premio è legato alla trasmissione di Radio Blu "Viola nel cuore" e proprio dalle frequenze dell'emittente toscana, Valon Behrami è tornato sull'episodio che 10 giorni fa aveva fatto il giro del mondo: l'aggressione dell'allenatore Delio Rossi ai danni di Adem Ljajic che dopo una sostituzione non condivisa aveva apostrofato il mister viola.
 
Ecco le parole del ticinese riportate dal portale violanews.ch: "Rossi l’ho conosciuto ai tempi di Roma, quando le cose andavano sempre bene. A Firenze si è chiuso molto vivendo poco la città e lavorando tantissimo. Perdeva 2-0 una partita in casa che poteva chiudere la nostra stagione. Il gesto di Adem l’ha fatto esplodere. Anche negli errori più grandi si può uscire da grandi persone e lui non l’ha fatto il giorno dopo pur avendone l’occasione. Ha aggiunto cose non vere: Adem non ha detto quelle parole (sembra che il giovane calciatore serbo abbia insultato la famiglia di Rossi, ndr). Il ragazzo giura di non aver detto nulla del genere e nemmeno chi stava in panchina ha sentito quegli insulti. E’ stata l’ennesima macchia in questa stagione. Se abbiamo portato un allenatore fino a quei livelli vuol dire veramente che abbiamo fatto tutto al contrario quest’anno."
 
Behrami ha parlato anche del futuro: Se l’anno prossimo ripartiremo ricordando gli episodi spiacevoli di quest’anno non andremo da nessuna parte. Il gruppo è da rifondare. Ci sono tanti giocatori che hanno dato tanto a questa società che andranno via per scelte personali. Il punto è ripartire, anche da qualcuno che ha giocato quest’anno. Il futuro? L’intenzione è rimanere perché è la volontà di tutti. Spero che a breve ci sarà un incontro con la società. A gennaio vicino alla Juventus? Sarebbe potuto accadere, ma alla fine ho scelto assieme alla Fiorentina di restare qua. Io ho voglia di stare qua ma ho ancora due anni di contratto e alla Fiorentina potrebbero bastare. Firmare in bianco? Il mio procuratore ha esagerato. La stima e la fiducia della Fiorentina e dei tifosi me la voglio guadagnare sul campo, non a parole. Allo stesso modo voglio guadagnarmi questo rinnovo. L’obiettivo per la prossima stagione? Dipenderà dai giocatori. Siamo entusiasti di questo cambiamento alle porte. Non vedevamo l’ora di chiudere questa stagione perché la società ha fatto grandi promesse e sono sicuro che verranno mantenute perché questa città se lo merita”.
 
pl
paul | 8 mag 2012 20:14