Accedi-1/7°

Marciello domina Hockenheim

Il pilota di Caslano Raffaele Marciello ha iniziato con un risultato sensazionale la sua avventura nel campionato di Formula 3

Veni, vidi, vici. E che vittoria! Il pilota di Caslano Raffaele Marciello ha iniziato con un risultato sensazionale la sua avventura nel campionato Euro Series di Formula 3, diventando con i suoi 17 anni e 133 giorni il più giovane vincitore di una manche nella storia del campionato continentale. Impegnato sullo storico anello di Hockenheim (100.000 spettatori!), Lello ha infatti vinto di prepotenza e classe gara-2. Partito terzo, il driver ticinese si è subito messo alle spalle i battistrada, con due sorpassi da antologia, per poi scavare a colpi di giri veloci (suo il best lap) un divario incolmabile tra sé e gli inseguitori. Nessuno ha potuto tenergli testa e Lello ha chiuso con ampio margine sul secondo, centrando il successo nel GP del debutto nel nuovo campionato! Un dominio quasi imbarazzante, per un pilota che già nei test invernali aveva dimostrato di aver assorbito con facilità l'enorme salto in avanti. "Non sto nella pelle - ci ha detto sabato a caldo Lello - Una vittoria fantastica frutto dell'incredibile lavoro di squadra della Prema che mi ha messo a disposizione una macchina velocissima e molto equilibrata. Questa F3 è durissima e non certo facile, mi sono dovuto adattare a un tipo di guida diverso e a sollecitazioni fisiche molto maggiori, ma gli allenamenti e i consigli del team e di Luca Baldisseri (responsabile della Ferrari Driver Academy, ndr) sono stati preziosissimi. Sono felice! È un risultato che mi dà ulteriore fiducia". Anche gara-1 non è certo stata da buttare: un 5° posto che va interpretato alla luce della foratura patita durante le prove che ha costretto il ticinese a partire nelle retrovie. Ma anche qui il suo talento non ha tardato a manifestarsi: sorpasso dopo sorpasso (e ne ha messi in fila 14...), Lello ha chiuso a una manciata di secondi dal podio. "Le forature fanno parte del gioco, sono cose che possono capitare, e bisogna prenderne atto. Ma sono stato bravo a rimanere tranquillo, sfruttando gara-1 per accumulare esperienza su un tracciato che non conoscevo". Ieri mattina, gara-3. Ancora

joe | 29 apr 2012 13:32