Accedi11/23°

Ad Ambrì è febbre salvezza

Alla Valascia per gara-5 si va verso il tutto esaurito. Kutlak: "Per poter festeggiare bisognerà giocare come a Langenthal"

Ci sono ancora 10 biglietti in tribuna verde e 20 biglietti nella tribuna arancio, tutti gli altri posti seduti sono andati esauriti. E venduti anche questi ultimi resteranno solo posti in piedi, per i quali è sempre valida la promozione "ne paghi uno, ne ricevi due".

Il match di domani sera alla Valascia, gara-5 della sfida salvezza tra Ambrì Piotta e Langethal, potrebbe essere decisivo. I Leventinesi sono infatti in vantaggio nella serie al meglio delle sette partite per 3-1. Una vittoria, per i tifosi biancoblù sarebbe dunque sinonimo di salvezza e di festeggiamenti (vedi per esempio il video della festa biancoblù dopo la salvezza conquistata l'anno scorso contro il Visp).

Kutlak: "Per poter festeggiare bisognerà giocare come a Langenthal"

"Tutte le partite - ha dichiarato Zdenek Kutlak al GdP parlando del match - sono importanti. Lo era quella di sabato, quella di lunedì come lo sarà gara-5. È vero, vediamo la fine del campionato ma non possiamo permetterci di pensarci. Dobbiamo solo concentrarci e focalizzare la nostra attenzione sulla sfida di giovedì. Bisognerà giocare come a Langenthal o anche meglio per poter festeggiare… o meglio, essere contenti per la salvezza perché non c’è molto da festeggiare".

"Però - ha aggiunto il difensore biancoblù - lo dobbiamo anche ai nostri tifosi: non ho mai visto qualcosa del genere in carriera e nemmeno mai ho sentito parlare di un attaccamento simile. Immagino quanto potesse essere difficile per loro stare vicini alla squadra quando sono cominciati i problemi e abbiamo perso tante partite senza sapere dove si sarebbe andati a finire. Eppure ci sono sempre rimasti accanto anche nel tribolato post-season. È incredibile, anche in gara-4 ci hanno sostenuti e incitati moltissimo. So che non è abbastanza dire “grazie”, ma ci tengo a farlo. Quando in estate torno in Cechia o quando parlo con i miei compagni di nazionale, stentano a credermi. Anche altri miei connazionali che ci affrontano in campionato mi dicono sempre che i nostri supporter sono incredibili: è fantastico".
joe | 11 apr 2012 17:27