Accedi17/25°

Irene Pusterla vola verso le Olimpiadi

La ragazza momò ha ottenuto il limite ieri sera al meeting di Chiasso

di Marco Galli

Irene Pusterla il suo compleanno (proprio oggi festeggia 24 anni, auguri!) l’ha... bagnato davvero molto bene visto che ieri, nel meeting nella “sua” Chiasso, ha staccato il biglietto definitivo per le Olimpiadi di Londra saltando al terzo tentativo 6m66, ossia un centimetro in più del limite B richiesto dalla Federazione svizzera. Comprensibile la gioia dell’atleta della Vigor Ligornetto: del resto la sua serie (6m55, 6m58, 6m66, nullo, 6m61 e 6m57) si commenta da sola!

Forse il 6m57 stabilito al primo tentativo dall’italiana Vicenzin ha caricato a dovere la nostra atleta. Irene ha in effetti chiuso a quota 6m55 già il primo balzo. Le sensazioni sono state subito buone, e si è capito che poteva essere la serata giusta. Poi, come detto, il terzo tentativo, quello decisivo. Irene è partita benissimo: rincorsa perfetta e stacco perentorio. All’atterraggio l’atleta della Vigor ha guardato i giudici, poi ha alzato le braccia al cielo in segno di esultanza.

Applausi a scena aperta, e Irene alla fine lancia uno sfogo liberatorio: «Chiasso mi porta davvero fortuna! Il primo salto mi ha fatto capire che potevo far bene, poi nel terzo ho capito che avevo fatto un’ottima misura. Sono felicissima!». Il tuo coach aveva detto che eri pronta e che dovevi soltanto sbloccarti... «Effettivamente è così. Come detto, il primo salto mi ha caricato, mentalmente mi sono sentita in grado di fare la misura. Nelle precedenti gare non avevo fatto molto bene perché ero troppo tesa, mente qui a Chiasso è andato tutto benissimo. Meglio di così non si poteva fare».

Ora ci sono gli Europei di Helsinki a fine mese: «Sono più serena, mi sono tolta un peso, ma voglio fare meglio perché mi sento bene sul piano fisico». Un’ultima battuta con l’allenatore Andrea Salvadè: «Irene è stata bravissima, aveva questa misura nelle gambe, doveva soltanto sbloccarsi. Cercheremo di migliorare certi dettagli come la parte finale della rincorsa ed in particolare gli ultimi cinque appoggi. Agli Europei in Finlandia vogliamo far bene, e sono fiducioso».
paul | 21 giu 2012 11:03