Accedi17/25°

Un weekend che vale già mezzo Mondiale

La Svizzera parte contro il Kazakistan (oggi 14.00) e la Bielorussia (domani 19.15)

Piergiorgio Giambonini

HELSINKI  Cambia la formula, ma non l’obiettivo di staccare una poltrona tra le “top 8”, ovvero nei playoff dei Mondiali, e ci mancherebbe altro! Non cambia il coach, ma devono assolutamente cambiare l’attitudine, la continuità e la concretezza che la Svizzera di Sean Simpson è chiamata a portare sul ghiaccio stavolta della Hartwall Arena: tutte componenti ch’erano appunto fatalmente mancate nei primi due tornei iridati della nuova gestione tecnica. Si riparte dunque con un doppio impegno ravvicinato contro Kazakistan (oggi alle 14) e Bielorussia (domani alle 19.15) che per i rossocrociati vale già mezzo Mondiale. Perché di vittorie, per approdare ai quarti di finale, ce ne vorranno in totale 4, e le prime due dovranno assolutamente arrivare nelle prossime ore.
Senza dimenticare, anzi dimenticando, che quasi ogni anno la partita d’esordio la soffriamo oltre ogni limite contro le varie Francia, Lettonia, Italia... Incuranti, anche, del “doppelspiel”, visto che se ne dovranno affrontare in totale tre, due dei quali incontrando tra l’altro come secondo avversario una squadra che il giorno prima ha riposato... “Doppelspiel” che dunque, volenti o nolenti, bisognerà dimostrarsi capaci di gestire sotto tutti i punti di vista.
 
Tra il dire e il fare...
Il giorno del suo 52° compleanno («ma dopo i 50 ho smesso di contarli e, soprattutto, di festeggiarli...»), Sean Simpson ieri lo ha concluso con una certezza e con un dubbio in vista dell’esordio di stasera contro i kazaki. La certezza: «In porta inizierà Berra, poi vedremo: abbiamo tre ottimi portieri e di certo non giocheremo sette partite sempre con lo stesso...». Il dubbio: «Sprunger da due giorni è tornato ad allenarsi, ma non è ancora pronto per giocare, per cui ogni decisione in merito è rinviata, perché non vogliamo prendere nessun rischio, né in questo caso né in altri: chi non è al 100% non gioca». Saranno del resto tre gli attaccanti che oggi andranno in tribuna, e uno di loro nei prossimi giorni tornerà poi a casa. Ma di più per ora non è possibile dire.
Dei primi due allenamenti sostenuti nella... caverna sotto la Hartwall Arena c’è invece da dire che sono stati entrambi di grande e confortante intensità, «ad immagine – ha sottolineato il coach – di tutta una preparazione svolta in maniera ottimale, compresa quella sconfitta con l’Austria arrivata probabilmente al momento giusto per riportarci sulla strada giusta. Ma adesso, dopo tutte queste settimane di allenamenti, non vediamo davvero l’ora di iniziare il Mondiale, e siamo in tutto e per tutto pronti a farlo, caricati e positivi!».
Si comincia dunque dal Kazakistan, «che Andy Murray è andato a “spiare” in occasione delle tre recenti amichevoli giocate in Italia (una persa 5-2 e le altre due vinte 2-1 nell’overtime rispettivamente ai rigori, ndr), portandoci tutte le informazioni e le immagini necessarie. Si tratta di una squadra fisicamente forte, con giocatori militanti in massima parte nel Barys Astana e/o in KHL, e quindi tutt’altro che sprovveduti. Chi pensa che battere il Kazakistan sia scontato, si sbaglia di grosso: nessuna partita è facile, ma quello che posso dire è che vogliamo e dobbiamo giocare con la stessa attitudine e lo stesso spirito espressi domenica e martedì scorsi contro il Canada. Sulla strada dei quarti di finale ci sono quattro vittorie da conquistare, ma a contare in definitiva non è quello che vuoi, ma che quello che fai...».
 
Un agente di troppo...
Intanto, però, l’ennesimo modo per complicarsi la vita Simpson negli scorsi giorni era comunque riuscito ad inventarselo, salvo poi dover tornare sui suoi passi quando qualcuno ha pensato bene di avvisare chi di dovere (ovvero il Blick...), costringendo di fatto il GM Peter Lüthi ad intervenire. In poche parole: per diversi giorni dello staff tecnico rossocrociato ha fatto parte anche il canadese Neil Sheehy, ufficiosamente in qualità di... massaggiatore, ma di fatto consigliato da Andy Murray
paul | 5 mag 2012 09:52