Accedi
Commenti

Più aggressivi col caldo

A sostenerlo è uno studio della Vrije Universiteit di Amsterdam

I climi più caldi aumentano l'aggressività. Così si potrebbe riassumere la conclusione cui è giunto uno studio varato dalla Vrije Universiteit di Amsterdam e i cui risultati sono stati pubblicati su Behavioral and Brain Sciences.

La ricerca è basata su un nuovo modello messo a punto dagli studiosi dell'istituto olandese, il modello CLASH (Climate, Aggression and Self Control in Humans). Secondo lo studio, le popolazioni che risiedono in paesi aventi grandi differenze climatiche stagionali e basse temperature sono più propense a guardare al futuro (sufficienti scorte di legna o combustibile per scaldarsi, vestiti appropriati, scorte di viveri per possibili emergenze, ...) e all'autocontrollo. Le popolazioni che vivono in paesi con scarse escursioni termiche e temperature elevate sembrerebbero invece meno propense a programmare il futuro. Inoltre avrebbero più problemi con una maggiore moltitudine di specie animali pericolose e maggiori infezioni (che il freddo tende a eliminare), portando di conseguenza una vita media più bassa.

Sostanzialmente il modello CLASH è giunto alla conclusione che la violenza colpisce maggiormente le popolazioni con una vita media più bassa, che non programmano il futuro e che, di conseguenza, hanno meno autocontrollo. Non bisogna dimenticare, sottolinea lo studio, che il clima è uno dei fattori fondamentali su cui si modella una società e la sua cultura.

Già nel 2013 era stato evidenziato, tramite il paragone di oltre 60 studi tutti incentrati sulla correlazione vigente tra clima e conflitti umani, che le elevate temperature climatiche erano responsabili di un'impennata del 14% sull'aggressività tra persone.

Salute | 15 lug 2016 16:53

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'