Accedi
Commenti 2

Attenzione alle vitamine in pillole, potrebbero causare il cancro

Una ricerca americana ha evidenziato i possibili rischi di sviluppare un tumore tramite l'assunzione di vitamine in pillole

Si comprano liberamente. E spesso si ignorano i rischi. Perché alla fine è 'solo' un integratore alimentare. Ma davvero le vitamine in pillole non hanno controindicazioni? E' uno studio americano ad aver studiato a fondo i possibili rischi legati alle vitamine in pillola. E a mettere in guardia chi le assume. Perché questa tipologia di vitamine potrebbe causare più danni, che fare del bene. E il danno è il possibile sviluppo di un tumore. Ancora certi che sia 'solo' un integratore alimentare? Forse c'è di più.

A lanciare l'allarme è il Dr. Tim Byers, dell'Università del Colorado. Il ricercatore ha passato gli ultimi 20 anni a studiare gli effetti delle vitamine sintetizzate in laboratorio. Uno studio che, vista la sua durata e intensità, non lascia molto spazio a dubbi.

Lo studio di Byers ha preso in considerazione i risultati di 12 diverse indagini in materia, che hanno coinvolto oltre 300'000 persone. Dopo 20 anni di studi, ricerche e approfondimenti, il ricercatore ha collegato una serie di sostanze a determinati tipi di tumore.

Il betacarotene (vitamina riscontrabile in ortaggi rossi e arancioni) sintetizzato sarebbe associato al rischio di sviluppare un tumore ai polmoni. Il selenio sintetizzato sarebbe invece una possibile causa del tumore alla pelle. Per gli uomini potrebbe essere pericolosa la vitamina E sintetizzata, in quanto può provocare il cancro alla prostata. L'eccesso di vitamina B e di acido folico aumentano invece il rischio di contrarre il cancro al colon.

Tuttavia la ricerca di Byers non va interpretata come un invito a rinunciare totalmente a integrare determinati nutrienti nell'organismo. Bensì a fare attenzione a non assumere troppi di questi integratori: "Penso che la gente dovrebbe almeno prenderne in misura non superiore a quella che si può assorbire tramite la dieta".

Salute | 22 apr 2015 14:27

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'