Accedi13/22°

Rinfrescarsi... mangiando

C'è chi in estate salta i pasti per sentirsi più leggero e fresco. Ma in realtà è un grosso sbaglio

Sembra quasi una cantilena. Molta gente in estate salta uno o più pasti per sentirsi più leggero e, di conseguenza, più fresco. Ma in realtà saltare i pasti costituisce un grosso errore. Difatti, al fine di sentirsi più freschi e leggeri, è più indicato mangiare, basta scegliere i giusti alimenti.

Cercate quindi di evitare sempre e comunque di saltare un pasto. Cercate invece di stilare una giusta lista della spesa per il periodo estivo. Di seguito proponiamo un decalogo che potrà aiutarvi a scegliere le migliori tipologie di cibo per la bella stagione. Il decalogo è stato redatto dal ministero della Salute italiano.

1. Anziché saltare i pasti, rispettatene sia il numero che gli orari. A cominciare dal pasto più importante, la colazione.

2. Consumate più frutta possibile. Naturalmente è da privilegiare la frutta di stagione. Oltre alla frutta fresca, mangiate anche frutta secca. Questa tipologia di frutta possiede infatti grassi buoni (polinsaturi), minerali e fibre. Non abusatene comunque, in quanto ricchissimi di calorie. Altro nutrimento da assumere è lo yogurt.

3. Quando cucinate, variate il più possibile. Ed anche se ad alcuni potrebbe sembrare assurdo, variate molto con i colori, sia di frutta che di verdura. E' difatti in base al colore che variano le tipologie di sostanze benefiche contenute nei vari ortaggi (vi potete fare un'idea nell'elenco successivo).

4. Durante l'estate la parola d'ordine è 'semplicità'. Evitate quindi piatti troppo elaborati e ricchi di grassi cattivi (privilegiate ad esempio la carne di pesce ricca di grassi sani rispetto alla carne rossa). Sono infatti questi a darci un senso di pesantezza.

5. Preferite i cibi freschi a quelli precotti o già pronti. I cibi freschi sono maggiormente digeribili e, solitamente, meno ricchi di sale (i cibi precotti sono ricchissimi di sale ed altri aromi artificiali). Alla fine del pasto, cercate di privilegiare quale dessert la frutta fresca anziché i dolci.

6. Evitate merende pesanti e composte dal classico snack confezionato. Un frutto od un gelato saranno una merenda perfetta. Chiaramente senza esagerare col gelato (per rinfrescarsi esistono anche i ghiaccioli).

7. Cercate di evitare pasti luculliani, con magari antipasto, primo, secondo e dessert. Cercate invece di ridurre il tutto ad una o due portate ben bilanciate in termini di chilocalorie.

8. Non poteva mancare il più classico dei consigli. Evitate di condire con troppo sale. Se potete utilizzate il sale iodato (ma anche qui senza esagerare).

9. Conservare al meglio i cibi. Tendete soprattutto a rispettare la catena del freddo per gli alimenti che lo richiedono (evitate tassativamente di scongelare e ricongelare un alimento. Una volta scongelato va consumato. In alternativa, scongelate, cucinate e ricongelate l'alimento cotto). Tenete anche presente che i cibi freschi conservati per lunghi periodi di tempo nel frigorifero, finiscono col perdere determinate proprietà nutritive. Se acquistate alimenti freschi aventi scritto 'già lavato', non mangiateli senza prima lavarli nuovamente. Difatti possono sviluppare (anche e proprio per l'acqua contenuta con cui sono stati lavati) contaminazioni batteriche di vario tipo.

10. Bevete almeno un litro e mezzo d'acqua al giorno. Preferite sempre l'acqua ed evitate di consumare troppe bibite zuccherate e gasate. Se possibile, limitate il consumo di alcolici. Ricordate che l'alcol disidrata l'organismo.


Proprietà di frutta e verdura a seconda dei colori.
Come detto sopra, a dipendenza della tipologia di colore, un frurtto o una verdura possono contenere sostanze benefiche diverse.

Cominciamo col dire che esistono prevalentemente 5 colori che contraddistinguono le proprietà degli ortaggi. Vediamo quali sono ed a cosa servono:

Rosso; gli ortaggi appartenenti a questa tipologia di colore hanno la proprietà di prevenire (che non
maxt | 6 lug 2012 17:29