Accedi
Commenti 1

Denise Maranesi - Puntualità, quo vadis?

Sorrido, quando penso che uno degli obiettivi principali delle FFS è la puntualità.

Questa reazione è dovuta al fatto che lo ritengo un traguardo non raggiunto, soprattutto dopo il più recente cambio di orario; in effetti durante queste ultime settimane, sono arrivata a destinazione quasi sempre con più di cinque minuti di ritardo. Oltre al danno, la beffa; anche perché parto mezz'ora prima e questo poiché il treno che prendevo precedentemente non arriva più in orario né a Chiasso né a Mendrisio, e così la coincidenza per Stabio è spesso e volentieri partita sotto il mio sguardo furente.

Succede così, quando i progetti sono creati e modificati da burocrati che trascorrono il loro tempo dietro la scrivania e che non vivono le realtà che trasformano. Orari, statistiche e cifre assumono un'altra forma quando vissute sulla propria pelle.

Può un treno che prima partiva da Chiasso, ripartire dalla medesima località con la stessa puntualità, arrivando però dall'Italia? Per la maggior parte delle persone la risposta è estremamente chiara: “no”! La vicina penisola non è famosa per questo, tant'è che si dice: “puntuale come un orologio svizzero” e così non c'è giorno che i TILO, e non solo quelli, non siano in ritardo.

Peccato, anche perché se si continua con questo andazzo, l'unica cosa che potremo dire è: “non ci resta che piangere”; tanti rinunceranno ai trasporti pubblici e la rinomata puntualità elvetica, emblema della nostra nazione, rimarrà solo un lontano ricordo.

Denise Maranesi
Consigliera comunale US-I Verdi - Chiasso

Redazione | 22 feb 2018 08:10

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'