Accedi
Commenti 13

Massimiliano Robbiani - No Billag: Non nascondiamoci dietro a false identità

Che piaccia o che non piaccia la mia faccia è la prima cosa che la gente vede quando parlo e quando scrivo. Non sempre mi esprimo usando i guanti perché sono una persona diretta che dice quello che pensa senza freni. Qualche volta avrò anche esagerato ma ho poi sempre portato la mia persona davanti anche alla giustizia senza nascondermi.

L’uso degli pseudonomi o dei profili finti di facebook per insultare la gente che non la pensa come gli altri è una moda che non accetto. Le esagerazioni che stanno succedendo in queste settimane con la campagna No Billag non si possono condividere perché va bene avere idee diverse ma se le devi combattere almeno che lo si faccia con nome e cognome.

Personalmente non mi fa nessun effetto farmi insultare da persone che non conosco però mi piacerebbe almeno farlo a armi pari: Massimiliano Robbiani contro un nome e un cognome, contro una faccia e non uno pseudonimo.

Io penso che tutta questa guerra attorno alla No Billag non sia solo il fumo dell’arrosto ma voglia significare che l’arrosto é bello grosso, grasso e succulento e che chi vive con i soldi della Billag sia poco disposto a rinunciare almeno a una parte del suo bottino. Mi chiedo per esempio cosa facesse il direttor Canetta prima di No Billag visto che adesso se ne occupa al 100%. La RSI avrebbe dovuto fare un po’ di autocritica in passato e darsi una regolata invece che pensare di vivere sopra alle proprie possibilità effettive. Invece ha fatto montare l’azienda come una panna grassa destinata a sgonfiarsi e a diventare un mattone difficile da digerire.

Mi viene il dubbio che tutti questi blogger anonimi gravitano attorno a Comano e non osano mettere fuori la faccia, il nome e il cognome perché non sarebbe accettato da un normale datore di lavoro. Robbiani barcolla ma non molla: io continuo a scrivere e a dire quello che penso con foto, firma e coerenza.

Massimiliano Robbiani
Per il comitato Si a No Billag

Redazione | 25 gen 2018 12:24

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'