Accedi
Commenti 3

Nadia Ghisolfi - Un'altra conferma che la via della Posta non era quella giusta

Transfair, il sindacato del servizio pubblico, accoglie con favore l'accettazione da parte del Consiglio degli Stati di quattro mozioni del Consiglio nazionale volte a salvaguardare il servizio pubblico e la rete degli uffici postali. Dopo mesi di segnalazioni ed iniziative, raccolte di firme a livello locale e regionale, anche la politica conferma che la strada intrapresa dalla Posta non era quella giusta. Le mozioni accolte prevedono di tenere maggiormente in considerazione le esigenze delle regioni e della popolazione riguardo ai servizi offerti dalla Posta in termini di accessibilità, trasparenza e monitoraggio.

Dopo il Consiglio nazionale, anche il Consiglio degli Stati da un segnale chiaro alla Posta, accogliendo le mozioni 17.3012 (Legislazione sulle poste), 17.3013 (Sancire nella legislazione gli strumenti di vigilanza del settore postale), 16.3481 (Servizio postale universale. Prescrizioni in materia di raggiungibilità differenti a seconda della regione) e 16.3482 (Maggiore trasparenza nell'adempimento del servizio postale universale). Questo non significa che l'ufficio postale non debba adeguare la propria rete a causa di cambiamenti strutturali (digitalizzazione, ecc.), deve tuttavia farlo attraverso un maggiore dialogo con le varie parti interessate, in particolare i comuni e le parti sociali. La rimozione di quasi 400 uffici postali entro il 2020 deve imperativamente tenere conto delle esigenze delle regioni e della popolazione senza anteporre unicamente considerazioni finanziarie. Il servizio pubblico deve essere adattato e se del caso, anche rafforzato.

transfair è pure soddisfatta che il Consiglio degli Stati abbia respinto la mozione 17.3011 (concorrenza equa sul mercato postale svizzero). L'accettazione di questa proposta avrebbe favorito i fornitori privati ​​e generato costi aggiuntivi per la Posta, oltre a rappresentare una minaccia per le condizioni d’impiego per i lavoratori del settore.

Nadia Ghisolfi, responsabile regione Sud transfair

Redazione | 30 nov 2017 15:32

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'