Accedi
Commenti

René Grossi - Compodino: abusi su abusi

Nel mese di marzo 2017 su mia segnalazione il Municipio di Gordola ha informato l’ufficio Tecnico di Locarno della posa di maestosi nuovi Container sul sedime della Compodino SA in Territorio di Locarno, chiedendone visto che si tratta di una zona agricola se fosse stata chiesta l’autorizzazione.

Il 24 maggio Locarno rispondeva che non ha rilasciato autorizzazioni in merito e che nel mese di aprile era stato intimato un rapporto di contravvenzione alla Compodino SA per la posa di Container senza alcuna domanda di costruzione.

Ad oggi tali container sono sempre sul sedime.

Visto quanto e in particolare l’abusività di tutto il complesso Compodino, mi aspettavo e con me l’esecutivo di Gordola che dalla città di Locarno ci fosse un intervento chiaro e drastico su tale modo di operare nella più palese illegalità.
Facciamo notare che non è la prima volta che la ditta viene presa in castagna su opere costruite abusivamente.

Personalmente, come Municipale di un altro Comune, non mi sento di mettere il naso in casa altrui e ogni Esecutivo fa quello che ritiene più corretto per gestire gli abusi sul proprio territorio. Però se non viene rispettata la legge in primis ed in secondo luogo si arrecano danni e disturbi agli abitanti di zone residenziali confinanti come rappresentante della popolazione trovo che bisogni intervenire drasticamente, trovando delle soluzioni tangibili.
È ora, dopo questa decisione del tribunale Federale, che sia il Cantone, sia la Città di Locarno intervengano su tale sedime per regolamentare il tutto, chiudendo e trasferendo l’attività. Senza darsi la colpa l’uni con altri.

Grazie TF! La speranza che gli organi competenti svolgano finalmente il loro lavoro e ripristino finalmente questa situazione di abusivismo surreale, è forse meno vana.
Gli abitanti di Gordola non vedono l’ora.

René Grossi, Municipale di Gordola

Redazione | 15 ott 2017 21:25

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'