Accedi
Commenti

Waldo Bernasconi - FOSTRA per tutti

Questo è un tema che coinvolge pure la nostra Associazione che, come ben sappiamo, tutela anche gli interessi delle ditte di trasporto “persone”. Quindi in stretta collaborazione con il turismo locale, internazionale ed i trasporti pubblici. Ora ci recheremo alle urne per sostenere oppure per negare il diritto ad un finanziamento equo per migliorare la fluidità del traffico stradale, portare a termine i progetti negli agglomerati ed assicurare, migliorandoli, i collegamenti con le regioni di montagna.

Per il nostro Cantone significa favorire chi abita nelle valli. Non solo per i residenti, ma rappresenta pure un incentivo per le giovani famiglie. Infatti, con delle vie di comunicazione performanti si possono organizzare dei servizi pubblici veloci, puntuali, di assoluto interesse per chi lavora nelle periferie e nei centri delle città come pure per il trasporto di tutti i generi alimentari e dei materiali occorrenti per l’edilizia (nuove abitazioni primarie) e per il genio civile.

È chiaro che, per continuare a migliorare e semplificare tali servizi (indispensabili), è necessario garantire un solido finanziamento. E qui ricordo la proposta di realizzare una galleria tra Mezzovico e Quartino, suggerita già da parecchio tempo, che sia in grado di offrire dei servizi pubblici adeguati tra le regioni del Gambarogno, tra le città di Locarno – Bellinzona e Lugano offrendo un servizio capillare che sia in grado di raggiungere tutte le rispettive regioni in poco tempo, evitando i pericoli quotidiani e le difficoltà invernali che riscontriamo transitando dal Monte Ceneri, diminuendo pure il traffico veicolare tra Cadenazzo a Quartino (12'000 veicoli in meno). Non ci vuole tanto!

Solo un “FOSTRA” adeguato ed un pizzico di lungimiranza. Il risultato? Minor traffico veicolare privato sulle strade cantonali, diminuzione dei veicoli in entrata ed in uscita dalle tre città. L’area interessata è paragonabile a quella di una città europea di medie dimensioni. Con il “FOSTRA” la Confederazione ed i cantoni saranno obbligati, nel rispetto della Costituzione, di assicurare delle infrastrutture sufficienti in tutte le regioni del paese. Malgrado l’aumento di 4 centesimi per litro del prezzo del Diesel, la nostra Associazione si ritiene globalmente soddisfatta.

Waldo Bernasconi (Beltramina)

Presidente della Sezione – Ticino della Astag (Associazione svizzera dei trasportatori stradali di merci e di persone)

Redazione | 17 gen 2017 10:59

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'