Accedi
Sfoglia la galleryCommenti 2

"Per Miss Svizzera mi ispiro a Christa Rigozzi"

GALLERY - Marla Fritz, una delle due finaliste ticinesi: "Vorrei vincere per aiutare i bambini meno fortunati"

Alta, bionda, occhi azzurri. Sin dal primo sguardo Marla Fritz "tradisce" le sue origini tedesche. Ma, dietro alla sua bellezza tedesca, la 18enne di Lugano nasconde un cuore tutto ticinese. Di quelli grandi e con sensibilità verso i meno fortunati. Perché in fondo anche lei, nonostante le apparenze e le foto che la ritraggono con vestiti splendidi in location esclusive, è stata una meno fortunata.

Questo e tanti altri temi sono stati toccati durante la visita di Marla alla redazione di Ticinonews, scoprendo un lato inaspettato e profondo della finalista a Miss Svizzera, capendo che per lei è molto più che un gioco.

Marla, come ti stai preparando alla finale di Miss Svizzera del prossimo 10 marzo?
A dire il vero in questi giorni sono un po' ammalata... quindi l'obiettivo è riprendermi! Ad ogni modo sto partecipando ad alcuni camp e mi sto preparando nel modo di presentarmi. Magari dall'esterno non sembra, ma sono settimane davvero intense, che tuttavia sto affrontando con impegno ed entusiasmo perché mi dà la possibilità di conoscere tanta gente e di capire le dinamiche dietro un grande concorso del genere. In particolare è interessante capire come si comporta la stampa e voi giornalisti (ride, ndr)...

Sei una delle due candidate ticinesi a Miss Svizzera. Ma non sembri molto ticinese...
In realtà sono nata a Francoforte da genitori tedeschi, che si sono trasferiti a Lugano quando io avevo solo un mese. Quindi direi che sono a tutti gli effetti ticinese! Come ticinese è una delle mie principali fonti di ispirazione...

Chi?
Christa Rigozzi. E' partita da Miss Svizzera ma ha dimostrato di non essere solo bella, ma di avere anche carisma e talento. E poi è una donna di famiglia: vorrei riuscire a seguire il suo percorso. Ma la strada è lunga...

Per te Miss Svizzera non è solo un concorso di bellezza...
Esatto. E' un concorso che comunque ti dà l'opportunità di avere una certa visibilità. Che, come tutte le cose, se usata bene può fare del bene ad altre persone. In particolare, io vorrei aiutare i bambini che hanno perso i loro genitori. Io ne so qualcosa, avendo perso mio papà a soli 7 anni. Mi piacerebbe far vedere loro che si può andare avanti e raggiungere i propri traguardi. 

Perché sostenerti a Miss Svizzera?
Perché non è soltanto una questione di bellezza, ma di cuore. E il mio è ticinese e vuole aiutare chi  è meno fortunato!

 

Redazione | 26 feb 2018 18:13

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'