Accedi

Verdi in Victorian London

Intervista a Massimo Zicari, musicologo, ricercatore e autore della pubblicazione

Domenica 15 gennaio 2017 alle 11.00 al Museo Vincenzo Vela di Ligornetto Massimo Zicari, musicologo e ricercatore presso il Dipartimento di Ricerca del Conservatorio della Svizzera italiana, presenterà la sua ultima pubblicazione, dal titolo “Verdi in Victoria London”, uno scorcio sulla ricezione critica delle opere verdiane durante il periodo vittoriano. Alla presentazione Zicari dialogherà con Marco Capra, docente di Storia della musica moderna e contemporanea e di Storia della comunicazione musicale dell’Università di Parma e presidente della Casa della Musica di Parma. Per saperne di più, abbiamo posto qualche domanda all’autore.

Più nel dettaglio, di cosa tratta la sua pubblicazione?

Il libro presenta una ricostruzione della discussione critica che è seguita alla prima messa in scena di ognuna delle opere di Giuseppe Verdi nel corso del’800 fino al 1901 - anno della sua morte – durante il regno della Regina Vittoria. Attraverso la lettura e lo studio sistematico di articoli e recensioni pubblicati sui principali quotidiani e periodici londinesi è stato possibile comprendere meglio l’impatto che il lavoro del compositore italiano ha avuto sulla cultura inglese dell’epoca.

A chi è rivolto il libro?

L’argomento può interessare un pubblico davvero ampio ed eterogeneo: dallo specialista che si dedica alla storia dell’opera al dilettante che si appassiona ai lavori di Verdi, fino al cantante, studente o professionista che sia, che intende documentarsi sulla prassi vocale dell’800. Ovviamente, il libro è di particolare interesse per coloro che si interessano di giornalismo e critica musicale.

Per quale motivo ha deciso di concentrarsi su questo specifico argomento?

Mi sono sempre occupato di opera e drammaturgia operistica e con questo progetto ho avuto la possibilità di esplorare un ambito tuttora trascurato dagli studiosi: da una parte ho lavorato sulla storia del giornalismo musicale a Londra, e dall’altra ho provato a fare una ricostruzione della storia della vocalità nell’Ottocento, così come riportata da coloro che ne furono testimoni diretti.

Dove si può acquistare il libro?

Il volume è pubblicato in inglese da Open Book Publishers, di Cambridge, e lo si può comprare, in formato sia cartaceo che digitale, sul sito dell’editore stesso, oppure attraverso le grandi distribuzioni online.

Red. Online | 10 gen 2017 11:28