Accedi
Commenti

Riparte la funicolare del San Salvatore

Dopo la pausa invernale, sabato 10 marzo le "mitiche rosse" sono pronte a risalire in vetta

Lasciato alle spalle un anno che ha generato brillanti riscontri per il turismo svizzero e per tutto il comparto turistico ticinese in particolare, anche la Funicolare San Salvatore si presenta nuovamente ai nastri di partenza forte di una situazione rafforzata con un incremento di frequenze e di introiti di trasporto, in un contesto aziendale che si è costantemente consolidato sull’arco dell’ultimo decennio.

La pausa invernale è servita per realizzare importanti interventi e lavori di manutenzione, che proseguiranno anche al termine della stagione. Sempre attenta al perfetto funzionamento dell’impianto di risalita la Società ha effettuato ulteriori investimenti per oltre mezzo milione di franchi tesi a soddisfare i requisiti di legge dovuti al rinnovo della concessione. Dopo aver festeggiato lo scorso mese di agosto il 18 milionesimo passeggero trasportato in vetta dalla sua prima messa in esercizio nel 1890, la giornata di sabato 10 marzo vedrà le “mitiche rosse” nuovamente fare su e giù quotidianamente da mattino a sera.

Il primo mese di apertura è denso di proposte al Ristorante Vetta (prenotazioni 091 993 26 70) con un inizio di stagione col botto di domenica 11 e la stuzzicante proposta gastronomica forfettaria “funi con pulenta e cazzöla - gelato e caffè” a soli 39 franchi, per poi proseguire lunedì 19 marzo sempre con la vincente formula “funicolare e pranzo compresi” con la tradizionale sagra di San Giuseppe, Festa dei Papà. L’offerta culinaria continuerà poi con la classica giornata di Pasqua di domenica 1° aprile. Per gli ospiti più giovani nuovi pannelli gioiosamente illustrati e dedicati alla magica storia del “Tesoro del Monte San Salvatore e la misteriosa grotta del “Bafalòn” sono stati posati in zona picnic. E la funicolare cosa c’entra? Beh la funicolare è come una fiaba, porta in vetta e ci fa sognare. Alla favola saranno dedicati anche due spettacoli di burattini allestiti nell’area circostante la vetta, uno a fine primavera e l’altro ad inizio autunno.

A metà anno verrà presentato il progetto “Dolce turismo…in vetta al Pan di zucchero” una iniziativa congiunta tra la Funicolare San Salvatore che da tempo sostiene e favorisce la formazione dei giovani, la Società Mastri Panettieri Pasticcieri Confettieri e gli apprendisti del 3° anno della SPAI di Trevano che, al termine del loro ciclo di studi, si sono occupati di elaborare nuove idee secondo i principi contenuti nel piano di formazione, per “il dolce del San Salvatore”. Nel corso di stagione verrà riproposta l’escursione “scuola natura-scuola avventura” emozionante gita per scolaresche e famiglie alla scoperta del monte.

Continua anche la suggestiva mostra fotografica dedicata a “Le gioiose fontane del Ticino” allestita negli spazi interni del ristorante, come pure l’esposizione recentemente inaugurata della “Storia della funicolare, dagli albori del progetto ai giorni nostri”, spettacolare testimonianza a cielo aperto illustrata tramite una trentina di suggestive tavole con testi in quattro lingue, intercalate da affascinanti manifesti e immagini d’epoca.

Rinnovata per il 2018 la positiva convenzione con il Municipio di Paradiso che anche l’anno scorso ha permesso di portare in cima al monte oltre 4500 residenti nel Comune.

Redazione | 5 mar 2018 15:18

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'