Accedi
Sfoglia la galleryCommenti 1

Zahia: "Era divertente fare la prostituta"

La baby-escort che inguaiò Ribery e Benzema si confessa. "Tanto vale fare sesso e guadagnarci qualcosa". FOTO

Nel 2010 era diventata la prostituta più famosa in Francia, dopo che si scoprì che i due calciatori della nazionale Franck Ribéry e Karim Benzema avevano fatto sesso con lei quando era ancora minorenne.

Nel frattempo ne è passata di acqua sotto i ponti e la franco-algerina Zahia Dehar, oggi 25enne, guarda al passato con una certa disinvoltura. E senza rimpianti.

In un'intervista al magazine "Antidote", Zahia afferma di essere riuscita a superare la fase in cui stava male per le accuse che le venivano rivolte. Ora invece si sente "la bandiera di una battaglia per l'uguaglianza".

Zahia spiega di aver iniziato a vendere il suo corpo all'età di 16 anni. "Vedevo le mie amiche che si fidanzavano, poi dopo poco tempo venivano mollate e stavano male. Anhc'io avrei potuto cambiare fidanzatino ogni settimana, ma mi sono detta: tanto vale avere delle relazioni sessuali e guadagnarci qualcosa" racconta. "Lo trovavo più eccitante. E non mi sono mai piaciuti gli uomini della mia età, non li trovavo interessanti."

"Inoltre avevo fretta di crescere, di diventare indipendente" prosegue. "È per questo che mi sono lanciata verso altre avventure, preparavo il mio futuro."

Come escort, guadagnava fino a 20'000 euro al mese. "Ma ero specialista nello spenderli subito" ricorda Zahia. "A volte guardavo nella mia borse e vedevo che mi restavano, per esempio, 6'000 euro. Allora entravo in una boutique, vedevo un vestito a quel prezzo e mi dicevo, chissenefrega, lo compro!"

Poi arrivò il noto scandalo sessuale e la vita della giovane escort diventò un incubo. "Stavo male, non uscivo più, non vedevo nessuno" racconta. "Restavo da sola, pensavo di non avere più un futuro, era Zahia la prostituta. E so che, in questa società, questo genere di lavoro è demonizzato, come se si trattasse di qualcosa di male... Ma chi lo fa, non commette nulla di male, anzi, provoca piacere. Per me, la prostituta rappresenta la libertà. Ma non tutti la vedevano così e la mia vita era diventata un inferno. Avevo la scelta tra suicidarmi o avanzare verso i miei obiettivi e raggiungerli."

Il periodo di crisi non è comunque durato molto per Zahia, che ha saputo approfittare della sua improvvisa notorietà per rilanciarsi. Fotografata da gente del calibro di Karl Lagerfeld o Ellen von Unwerth, l'ex prostituta è riuscita a modificare la sua immagine. "Mi sono detto che l'etichetta di prostituta sarebbe diventata un messaggio da portare" afferma. "Mi sento bene adesso, sono fiera di averlo fatto. Perché dovrei vergognarmene? È un periodo finito, perché adesso faccio altro e non sono più giovane come prima. Ma è stato bello farlo durante la gioventù. Era interessante, era divertente" conclude la 25enne.

Redazione | 21 nov 2017 13:44

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'