Accedi16/24°
Sfoglia la gallery

Lady Gaga: una versione soft per l'Indonesia

Dopo le proteste a causa di un'immagine troppo hot della cantante, si sta valutando uno spettacolo più soft

La polizia indonesiana sta prendendo in considerazione una proposta degli agenti della popstar americana Lady Gaga per consentirle di non rinunciare al suo concerto a Giakarta dove era attesa da oltre 50 mila fan già muniti di biglietto. La performance prevista per il 3 giugno era stata cancellata in seguito a pressioni e minacce dei militanti islamici che ritengono l'artista "satanica".

Ieri la cantante era apparsa inflessibile annunciando che avrebbe cancellato la tappe dei suoi concerti piuttosto che modificare le sue performance sul palco. Il portavoce della polizia di Giakarta ha però detto oggi di aver ricevuto l'assicurazione dell'agente di Lady Gaga, Big Daddy, che il concerto sarà "rispettoso" della cultura indonesiana. "'Valuteremo il documento inviatoci dalla popstar e, se saremo d'accordo, contiamo di firmarlo e inviarlo alla polizia nazionale", ha spiegato.

Lady Gaga - questo l'impegno assunto - si presenterà sul palco vestita in modo non provocatorio e sarebbe disposta a modificare i testi delle sue canzoni più 'spinte', evitando riferimenti e coreografie a contenuto sessuale.


ATS
maxt | 25 mag 2012 11:59

Articoli suggeriti
Leggera commozione cerebrale per la pop star che ha colpito con la testa una sbarra di metallo
I fan australiani di Lady Gaga, in vista dell'utlima tappa del tour, regalano alla loro beniamina un... vibratore...
La controversa cantante americana mette su Twitter una foto di nudo integrale. Ma poi si pente e la toglie
La neo regina del pop si concede per un set fotografico all'amico Terry Richardson
Lady Gaga è stata ospite di Donatella Versace. Con lei il fotografo Terry Richardson. E salta fuori uno scatto in topless...
La pop star ha acquistato all'asta 55 vestiti indossati dal re del pop. E twitta che ne avrà la massima cura
Jennifer O’Neill, assistente di Lady Gaga, denuncia il suo capo per averla costretta a dormire assieme