Accedi
Sfoglia la galleryCommenti

I diari di Raqqa: vita quotidiana sotto l'ISIS

Il 24enne Samer racconta le atrocità vissute in Siria. La presentazione del libro mercoledì 11 ottobre presso la libreria al Ponte di Mendrisio

Mercoledì 11 ottobre a Mendrisio si parla di Siria, ISIS e del mestiere dell’inviato in zone di guerra. L’occasione è la presentazione del libro ‘I Diari di Raqqa’ (Mimesis, 2017) che narra la vita quotidiana nella capitale dello Stato Islamico in un lasso di tempo che va dal 2013 alla metà del 2016. L’autore, un giovane attivista di 24 anni costretto a mascherarsi dietro lo pseudonimo di Samer, racconta le sofferenze di ogni giorno e i tentativi di sopravvivenza dei suoi concittadini con lucidità e schiettezza, mentre tutt’attorno va in scena una violenza brutale. Le sue parole sono importanti e coraggiose perché la pena, per chi passa notizie ai giornalisti, è la decapitazione.

Alla Libreria al Ponte con inizio alle ore 18.30 sarà presente il curatore dell’edizione italiana dei Diari Giampaolo Cadalanu, giornalista di Repubblica che ha coperto molte zone calde e aree di crisi. Dialogherà con lui Chiara Sulmoni, giornalista e analista freelance, Centro Studi SPACE. Entrata libera.

Raqqa, la città siriana proclamata capitale dello Stato Islamico, è oggi ridotta a un cumulo di macerie fra le quali si continua a combattere strenuamente. L’ISIS ormai assediato perde terreno ma non molla, mentre i civili subiscono e muoiono in silenzio. Da sempre. Molte cose le scopriremo solo con il tempo perché fra le vittime della guerra in Siria c’è anche l’informazione, soffocata o manipolata su ogni fronte.

Nei Diari di Raqqa, Samer ha raccontato la sua storia. Per combattere l’isolamento e chi lo impone, ha rischiato in prima persona.

“Dopo aver visto massacrare amici e parenti, ridurre in pezzi la vita della sua comunità e rovinare l’economia locale da questi estremisti nutriti solo di odio, Samer ha reagito nell’unico modo possibile: raccontando al mondo quello che accade nella sua amata città.”

Samer è stato costretto a fuggire da Raqqa e vive oggi in un campo profughi nel nord della Siria.

L’evento è organizzato dal Centro Studi SPACE e dalla Libreria al Ponte di Mendrisio.

Redazione | 6 ott 2017 15:57

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'