Accedi
Sfoglia la galleryCommenti

Le perle nascoste lungo il fiume Vedeggio in immagini

50 bellissimi scatti di Luca Bertone in mostra a Bedano

E’ stata inaugurata ieri in serata, negli spazi della casa comunale di Bedano, la mostra fotografica “Le perle nascoste lungo il fiume Vedeggio”, il terzo appuntamento del progetto che ha come scopo la valorizzazione dei luoghi della valle. Manno, Gravesano e Bedano i nuclei protagonisti dell’esposizione, con i loro scorci nascosti, i vicoli e i portici immortalati attraverso l’obiettivo del fotografo Luca Bertone che le ha scattate e stampate in bianco e nero su carta Bamboo con tecnica Glicèe ai pigmenti.

A presentare l’evento il sindaco di Bedano Dario Fraschina “Il titolo della mostra Le perle nascoste lungo il fiume Vedeggio – spiega il primo cittadino – è pienamente appropriato, difatti porta l’attenzione sui piccoli angoli che sono nascosti in un territorio a volte poco valorizzato e poco conosciuto. Magari ci si passa davanti tutti i giorni senza rendersi conto della loro bellezza. Con questa rassegna fotografica si possono quindi ammirare diversi punti caratteristici e particolari all’interno dei nostri nuclei, esperienza già fatta in altri comuni della valle del Vedeggio riscontrando plausi e consensi”.

Più di 50 gli scatti in mostra volutamente non suddivisi in ordine, paese per paese, per trasmettere all’osservatore la sensazione di perdersi tra gli anfratti cittadini, dando risalto ai particolari e privandoli del contesto generale così da suscitare curiosità e spingere a visitare o rivisitare quei luoghi guardandoli con “occhi diversi” assaporandone la bellezza.
“Osservando cio’ che mi circonda, perdendomi fra vie e strade dei nuclei della valle, ho notato che percorrendo la strada cantonale o l’autostrada, è impossibile rendersi conto del patrimonio culturale e storico che si sta attraversando – afferma Bertone – da qui l’idea di trovare un modo per valorizzare un territorio spesso quasi sconosciuto ai più”. E per farlo si è affidato al linguaggio a lui più idoneo ovvero quello della fotografia, per trasmettere al visitatore la realtà di questi luoghi attraverso il suo sguardo.

Gli scatti sono privi di persone e di colore proprio per evitare distrazioni e punti di riferimento che possano distogliere l’attenzione dell’osservatore dal soggetto architettonico che sia esso un porticato, un edificio o una semplice via. La mostra, visitabile gratuitamente, resterà aperta al pubblico fino al 27 ottobre 2017 e il 10% del ricavato delle vendite sarà devoluto in beneficenza alla sezione scout Medio Vedeggio.

Il viaggio alla scoperta delle “Perle nascoste lungo il fiume Vedeggio” riprenderà dopo le feste natalizie e avrà come protagonisti i restanti nuclei cittadini della valle: Mezzovico-Vira e Monteceneri.

Mina Barcone

Redazione | 2 ott 2017 12:16

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'