Accedi
Commenti 13

"Guarire" dall'omosessualità, medico nei guai

Segnalato il caso di un medico che nel suo studio aveva affisso un manifesto per riappropriarsi dell'eterosessualità

"Luca era gay. Ma grazie a un percorso di conversione, su base religiosa e psicologica, si è riappropriato della sua mascolinità ed eterosessualità". È quanto si legge su un manifesto, affisso nello studio di un medico di famiglia di Savona, che pubblicizza un libro per "guarire" dall'omosessualità, con tanto di contatti di una comunità terapeutica della regione. 

Il cartellone non è passato inosservato all'associazione Arcigay Apertamente della città, che ha immediatamente avvisato l'Ordine dei medici, chiedendo un intervento urgente ed eventuali provvedimenti disciplinari nei confronti del medico. Medico che si dice convinto che "omosessuali si diventa per dinamiche familiari ed è giusto porgere aiuto per sostenere queste persone a diventare uomini e donne".

"Non capisco come mai Arcigay si senta offeso" ha dichiarato il medico. "Il mio è uno studio medico. Come affiggo depliant per la cura dell'Alzheimer e del diabete, lo faccio anche per le terapie dedicate a chi soffre di disagio legato all'identità sessuale". 

L'Ordine dei Medici valuterà al più presto il caso segnalato, ha assicurato il presidente Luca Corti, precisando che "l'Ordine non considera l'omosessualità come una malattia". Il medico rischia ora l'applicazione di un provveddimento disciplinare o, nel peggiore dei casi, la radiazione. 

Anche la politica si è interessata del caso. Due consiglieri regionali del PD hanno chiesto l'intervento dell'assessore alla Sanità "per fare chiarezza su questa brutta storia di discriminazione". 

 

 

 

Redazione | 12 gen 2018 16:16

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'