Accedi
Commenti 9

Transessuale manda 4 agenti all'ospedale

Violento alterco nel carcere di Como. "La convivenza con i detenuti maschi è sempre più problematica"

Una cella distrutta e quattro agenti di polizia penitenziaria all'ospedale. È questo il bilancio di un violento alterco causato da un detenuto transessuale, un 40enne brasiliano, martedì scorso all'interno della casa circondariale comasca del Bassone. Un carcere nel quale da circa 6 mesi è attiva una nuova ala in cui sono attualmente detenuti 10 transessuali, molti dei quali trasferiti da Milano.

A denunciare l'accaduto è, sul Corriere di Como, il sindacato della polizia penitenziaria Fns Cisl.

"Già da tempo un paio di detenuti presenti in questa sezione crea disordini. Spesso sono protagonisti di atti di autolesionismo e la convivenza con gli altri compagni di cella e con i detenuti del confinante reparto maschile è sempre più problematica" spiega il sindacato.

Martedì scorco "un detenuto brasiliano di 40 anni, presente appunto nella sezione transessuali, ha iniziato dal mattino a dare in escandescenze. Urlava e ha cominciato a rompere tutto quello che aveva a portata di mano. Gli agenti hanno cercato di calmarlo ma invano" racconta il sindacato.

"Il detenuto ha cominciato a insultarci ancora di più" prosegue il sindacato. "Si è allora deciso di entrare nella cella per cercare di calmarlo. Ma invece che placarsi il detenuto si è ulteriormente scatenato. Ha rotto un tavolo e con le gambe di legno ha colpito gli agenti. Ha poi cercato di utilizzare come arma anche un piccolo fornello presente in cella."

Alla fine il protagonista dell'alterco è stato in qualche modo placato e messo in isolamento, mentre quattro agenti sono stati portati in ospedale con contusioni ed escoriazioni giudicate guaribili dai sanitari in 13 e 10 giorni.

Il sindacato approfitta quindi dell'occasione per ribadire la necessità di aumentare il personale di custodia: "Mantenere efficiente la sicurezza diventa sempre più difficoltoso per gli addetti ai lavori."

Redazione | 11 ago 2017 06:28

Vuoi dire la tua sull'argomento? Clicca 'Commenti'