Accedi

Spagna: ecco Negobot, 14enne virtuale che scova i pedofili in rete

Creata una "Lolita virtuale" per scovare i pedofili in rete: è un programma, messo a punto in Spagna, chiamato Negobot che si "traveste" da 14enne e si infiltra in chat e social network, a caccia di pedofili.

Sviluppato da Carlos Laorden dell'Università di Deusto, Negobot rispetto a programmi simili è più "intelligente" e sa mantenere un livello anche complesso e vario di conversazione sembrando una 14enne vera.

La pedofilia online e gli adescamenti via chat e social network diventano un problema sempre più tangibile soprattutto ora che bambini e giovanissimi sono navigatori assidui e utilizzatori di chat e social network.

I chatbot sono programmi che simulano la voce di una persona e sostengono una conversazione, ma ad oggi non danno risultati molto realistici e non sono quindi molto utili perché facilmente riconoscibili come "robot" per il loro modo non troppo umano e realistico di affrontare una conversazione.

Con Negobot, presentato sulla rivista Proceedings della quinta Conferenza Internazionale di Computational Intelligence in Security for Information Systems (CISIS), si fa un salto di qualità in questo senso perché la ragazzina virtuale sa sostenere vari livelli di conversazione e ha il potere di scovare eventuali pedofili analizzando la conversazione e i comportamenti del soggetto con cui chatta.

È solo l'inizio ma Negobot potrebbe essere arruolato dalla polizia per indagini di pedofilia online.


ATS
ATS | 11 lug 2013 15:38