Accedi13/24°

Sandy: sale il bilancio delle vittime

Il numero dei morti sale a 59. Soccorritori sono ancora al lavoro. Arrestati sciacalli nei dintorni di New York

La tempesta Sandy ha perso gran parte della sua potenza distruttrice, lasciando il campo alla conta delle vittime e dei danni. Il numero dei morti è salito a 59, almeno 22 nella sola New York, e i soccorritori sono ancora al lavoro in molte zone flagellate dalle alluvioni per salvare i residenti, costretti a rifugiarsi sui tetti delle case per scampare dalla furia delle acque.

Nella Grande Mela per il momento è esclusa una visita del presidente, che andrà invece in New Jersey: lui e il sindaco Michael Bloomberg hanno convenuto che non è il momento adatto. "Ho parlato con il presidente - ha detto Bloomberg - sulla possibilità di una sua visita qui. Ci farebbe piacere, ma abbiamo molte cose da fare: non voglio mancargli di rispetto, ha un sacco di cose da fare e sono lusingato dalla sua disponibilità a venire a Ny, ma penso che quello che debba fare è andare in New Jersey e rappresentare la nazione".

Ancora chiusi tre tunnel, mentre proprio il sindaco officerà la riapertura del New York Stock Exchange, che dal 1888 non chiudeva i battenti per causa maltempo.

Obama è atteso in New Jersey nel pomeriggio: assieme al governatore Chris Christie visionerà i danni causati dall'uragano, parlerà ai cittadini - 4'500 di loro sono ospitati nei rifugi - e ringrazierà gli operatori dei servizi di emergenza che hanno messo la loro vita a rischio per proteggere la loro comunità.

Sandy è ormai ridotto a depressione, ma restano gli allerta per maltempo sulle montagne del sudovest della Pennsylvania, del Maryland, della West Virginia e del Tennessee orientale.

I numeri parlano di oltre 8 milioni di persone rimaste al buio - quasi 2 milioni e mezzo nel solo Stato di New York, altrettanti in quello del New Jersey - e più di 18'000 voli cancellati. Ci vorranno tra i tre e i quattro giorni per il ripristino dell'elettricità in tutte le aree colpite, mentre già oggi si prevede che i principali aeroporti riprendano a funzionare, seppure con molte limitazioni. Newark ha riaperto alle 7 locali, il Jfk è previsto alle 12, mentre è ancora incerta la situazione al La Guardia.

Benedetto XVI, nell'udienza generale a San Pietro, ha rivolto le sue preghiere alle vittime, e la solidarietà "verso tutti coloro sono impegnati nell'opera di ricostruzione".

Arrestati sciacalli nei dintorni di New York

Appena il vento più impetuoso di Sandy ha rallentato un po', in diversi luoghi attorno a New York sono comparsi gli sciacalli. A volte anche travestiti da addetti della compagnia dell'energia elettrica o soccorritori.

La polizia ne ha arrestati almeno una quindicina a Coney Island e Rockaways, nelle zone che erano state evacuate prima dell'arrivo dell'uragano.

Alcuni abitanti di quelle zone hanno riferito di essere stati avvisati dalla polizia di fare attenzione a truffatori travestiti da addetti dei servizi pubblici. Episodi di questo genere si erano già verificati dopo l'uragano Irene l'anno scorso nella regione di New York.
joe | 31 ott 2012 20:35

Articoli suggeriti
Otto milioni di americani sono rimasti al buio e i danni sono stimati in 50 miliardi di dollari
Danni fino a 50 miliardi di dollari: è una delle catastrofi naturali più costose della storia