Accedi4/10°

Cina-Giappone: Tokyo, in mille a manifestazione anti-Pechino

Un migliaio di persone hanno preso parte oggi a Tokyo alla più grande manifestazione anti-cinese tenuta finora in Giappone dallo scoppio della crisi sulla sovranità delle isole Senkaku/Diaoyu.

Dopo il raduno alle 14.00 locali (le 7.00 in Svizzera) al parco di Aoyama, il corteo, strutturato in quattro blocchi, ha toccato prima Roppongi, il cosiddetto 'quartiere degli stranieri' della capitale nipponica, per poi dirigersi verso l'ambasciata cinese, massicciamente presidiata dalle forze dell'ordine.

Ai partecipanti è stato permesso di raggiungere in gruppetti di 5-6 persone per volta l'ingresso della rappresentanza diplomatica di Pechino, con pochi secondi per poter scandire slogan, tra cui i ripetutissimi "giù le mani dalle Senkaku", "le Senkaku sono territorio giapponese" e stop all'imperialismo comunista cinese".

L'evento, pacifico e ordinato, è stato organizzato dall' associazione nazionalista 'Ganbare Nippon' ('Forza Giappone'), presieduta da Toshio Tamogami, ex capo dell'Aeronautica militare (Sdfa) silurato dopo aver scritto un saggio un saggio del 2008 in cui negò "la teoria dell'aggressione del Giappone contro la Cina nella Seconda guerra mondiale", insieme ad altri aspetti oscuri del cosiddetto militarismo nipponico conclusosi con la resa del 15 agosto del 1945.


ATS
ATS | 22 set 2012 14:08