Accedi11/23°

Italia: centinaia di emigranti soccorsi al largo di Lampedusa

La guardia costiera e la guardia di finanza italiane hanno soccorso oggi alcuni barconi con a bordo centinaia di emigranti al largo di Lampedusa. Nell'isola siciliana oggi sono sbarcati in tutto circa 400 persone in tre diversi momenti.

Un barcone di legno con a bordo 231 emigranti di origine sub-sahariana è stato soccorso nel primo pomeriggio a 30 miglia al largo di Lampedusa. L'imbarcazione, un motopesca di 15 metri, è stata avvistata in tarda mattinata da un aereo islandese che partecipa alla missione europea Frontex. Visto l'elevato numero delle persone a bordo, il mare mosso e le precarie condizioni del mezzo, sono scattati i soccorsi. Fra i migranti cerano 33 donne (una incinta) e 4 bambini.

Un altro barcone in legno di 10 metri con 160 migranti, tutti di probabile provenienza tunisina, è stato avvistato nel tardo pomeriggio a 14 miglia ad ovest di Lampedusa da un elicottero della marina militare impegnato in attività di pattugliamento. Tra di loro anche diverse donne, due delle quali incinte, e due bambini.

Dieci tunisini erano già sbarcati ieri sera a Lampedusa. La motovedetta della guardia costiera avevano rintracciato il gommone, di circa quattro metri, sul quale viaggiavano ad un solo miglio dalla costa.

I 400 migranti giunti oggi saranno ospitati nel vecchio centro di accoglienza di contrada Imbriacola, nell'ala di ingresso dello stabile che è stata ripristinata nei mesi scorsi dopo l'incendio divampato nella sommossa dei migranti. La struttura può ospitare 350 persone.

Al comando generale delle Capitanerie di Porto stanno valutando se, dopo gli sbarchi di pochi immigrati su piccoli natanti o gommoni, si sia di fronte ad un'inversione di tendenza, con una ripresa del fenomeno dei barconi di legno stipati di un gran numero di migranti.


ATS
ATS | 18 ago 2012 21:03