Accedi13/24°

Mali: distruzioni Timbuctù, ministro lancia appello all'Onu

Il Mali ha rivolto oggi un appello alle Nazioni Unite perchè si mobilitino dopo la "distruzione criminale" da parte degli integralisti islamici di mausolei dei santi a Timbuctù, città nel nord del Paese inserita nel Patrimonio mondiale dell'Unesco dal 1988 e solo tre giorni fa dichiarata "in pericolo" dalla stessa organizzazione.

"Il Mali esorta l'Onu a prendere misure concrete per porre fine a questi crimini contro il patrimonio culturale della popolazione", ha dichiarato la ministra delle Arti, del Turismo e della Cultura, Diallo Fadima, durante una riunione dell'Unesco in corso a San Pietroburgo (nord-ovest della Russia).

La ministra, parlando con la voce rotta dall'emozione, ha chiesto la solidarietà internazionale ed ha condannato le distruzioni compiute dagli integralisti islamici, chiudendo il suo discorso con un: "Dio aiuti il Mali". Dopo il suo intervento, l'Unesco ha osservato un minuto di silenzio in segno di rispetto per i mausolei distrutti.


ATS
ATS | 1 lug 2012 16:41