Accedi0/8°

Italia: studiosi, la lupa capitolina sarebbe di epoca medievale

La Lupa Capitolina è una scultura che ha sempre diviso il mondo degli studiosi. Secondo i più recenti studi, i cui risultati sono stati presentati oggi ai Musei Capitolini di Roma, nella giornata di studi "Lupa Capitolina: novità?", la datazione del simbolo di Roma si attesta "tra il 1021 e il 1153, con un livello di confidenza del 95,4%".

Lo ha affermato Lucio Calcagnile del Centro di Datazione e Diagnostica dell'Università del Salento. Gli studi che hanno portato Calcagnile a questa conclusione, sono stati condotti con moderne strumentazioni, attraverso le analisi con il radiocarbonio su numerosi campioni di resti vegetali estratti dalle terre di fusione utilizzate per la statua.

Tradizionalmente l'opera è stata considerata etrusca e risalente al V secolo a.C., ma questa datazione è stata soggetta a controversie da parte di restauratori e storici dell'arte.

Per Edilberto Formigli, dell'Opificio delle Pietre dure di Firenze, attraverso le ultime indagini è possibile dimostrare che "sia coloro che parteggiavano per l'antichità della Lupa sulla base di argomentazioni iconografico-stilistiche, sia coloro che la datavano al medioevo limitandosi agli aspetti tecnici, hanno ragione.

La Lupa è una copia medievale da un originale antico etrusco-italico eseguito con una tecnica indiretta a calco, e la prova sta nei numerosi ritocchi eseguiti in cera lungo le zone di contatto delle valve negative e nell'esecuzione ex novo della coda che era andata persa nell'originale".


ATS
ATS | 22 giu 2012 20:02