Accedi13/24°

Terremoto: il numero dei morti sale a 17

Il governo italiano vara misure d'emergenza: rinvio a settembre dei versamenti fiscali, aumento di 2 centesimi sulla benzina, deroga al patto di stabilità per i Comuni

Sono 17 le vittime del terremoto di ieri in Emilia. In mattinata è stato recuperato ed identificato l'ultimo disperso. Si tratta dell'operaio Biagio Santucci, morto - insieme ad altri tre compagni - nel crollo dell'azienda Haemotronic a Medolla (Modena). La procura di Modena ha aperto un'inchiesta. Il presidente della Repubblica ha sottolineato l'inadeguatezza delle politiche di prevenzione ed ha invitato a lavorare senza attardarsi in polemiche "strumentali" sulla parata militare di sabato. Cgil, Cisl e Uil hanno rinviato la manifestazione nazionale programmata per il 2 giugno. Intanto, il Consiglio dei ministri ha varato le misure d'emergenza: rinvio a settembre dei versamenti fiscali, aumento di 2 cent dell'accisa sulla benzina, deroga al patto di stabilità per i Comuni.

Nelle aree colpite ferve l'attività dei soccorritori. "Adesso - ha spiegato il capo della Protezione civile, Franco Gabrielli - stiamo mettendo a punto i campi di accoglienza che si stanno realizzando, potenziando anche l'accoglienza alberghiera, confidando che possano aumentare le persone che decidano di trovare alloggio in alberghi anche per alleggerire i campi". Sono in corso di realizzazione cinque nuovi campi, mentre altri sette sono stati potenziati aumentando i posti disponibili.

Al lavoro anche la magistratura. Il procuratore capo di Modena, Vito Zincani, ha aperto un'inchiesta sui capannoni caduti per il sisma, definendo "suicida la politica industriale a livello nazionale sulla costruzione di questi fabbricati". L'indagine punta a verificare se sono state rispettate le norme antisismiche previste dalla direttiva regionale del 2003, ma anche se ci siano state negligenze o mancanze nella costruzione e nella progettazione e nel collaudo degli edifici stessi.

Il Consiglio dei ministri ha nominato il presidente della Regione Emilia Romagna, Vasco Errani, commissario per la ricostruzione. A copertura degli interventi previsti, oltre all'aumento di due centesimi sull'accisa della benzina, saranno utilizzati i fondi resi disponibile dalla spending review. Ci sarà poi la concessione di contributi a fondo perduto per la ricostruzione e riparazione delle abitazioni danneggiate dal sisma, individuazione di misure per la ripresa dell'attività economica, delocalizzazione facilitata delle imprese produttive.
joe | 30 mag 2012 15:20

Articoli suggeriti
Il leader della Lega Giuliano Bignasca lancia una raccolta fondi per aiutare le vittime del terremoto in Emilia
Nel Mantovano la scossa più forte. Intanto si cominciano a contare i danni per l'economia
Ulteriori scosse questa notte in Emilia. In Ticino qualcuno comincia ad essere preoccupato in vista delle ferie estive