Accedi13/22°

Austria: offre posto babysitter, rapisce e stupra quindicenne

Agganciata sulla rete con un proposta di lavoro come babysitter, una ragazzina di 15 anni austriaca, è stata rapita, portata in Slovenia, e stuprata. Il caso, che ha sconvolto l'opinione pubblica del Paese, ha un epilogo paradossale: la vittima si è liberata del suo carnefice solo perchè l'uomo si 'e dato alla fuga dopo aver avuto un incidente stradale, nel quale lei è rimasta ferita.

La 15enne, di Graz, in Stiria, aveva risposto ad un annuncio sul web per ottenere un lavoro come babysitter. Con il permesso della madre, la ragazzina di Graz ha incontrato mercoledì sera l'autore dell'annuncio, un uomo di nazionalità tedesca.

Restando in contatto con la mamma via sms, la ragazzina è salita a bordo dell'auto dell'uomo. Secondo la ricostruzione della poliza, il bruto, a questo punto, ha rapito l'adolescente, portandola in Slovenia, dove l'ha poi violentata. Lo stupratore avrebbe addirittura risposto a una telefonata della madre, che avrebbe sentito piangere e gridare sua figlia dalla cornetta.

Giovedì mattina (alle 5.45) l'uomo, già noto alle forze dell'ordine in Germania, è tornato con la ragazza in Stiria, dove ha provocato però un incidente stradale, nel quale la ragazza è rimasta ferita.

A questo punto lo stupratore si è dato alla fuga. La vittima di questa storia da incubo è stata a soccorsa e portata in ospedale, dove ha raccontato tutto al medico. Nel corso delle indagini è stato fermato un uomo, che si trovava nei pressi del luogo dell'incidente.


ATS
ATS | 11 mag 2012 21:51