Accedi14/25°

Mitt Romney attaccato sul conto svizzero

Il team di Obama che prepara la campagna elettorale sostiene che questo "dimostra disprezzo per i cittadini USA"

Il team che si occupa della campagna elettorale di Barack Obama ha attaccato oggi il candidato repubblicano Mitt Romney in merito a un suo conto bancario aperto in Svizzera. Così facendo, sostiene l'équipe del presidente uscente, egli dimostra il suo disprezzo nei confronti degli interessi economici degli americani.

In un severo video pubblicato su YouTube, il team di Obama ricorda agli elettori che Romney "come amministratore delegato di imprese ha trasferito posti di lavoro americani in Paesi come il Messico e la Cina". Come governatore, ha invece tagliato posti di lavoro tra i funzionari per creare call center in India. Egli è inoltre ancora favorevole a concedere sgravi fiscali a imprese che delocalizzano impieghi all'estero. "Ma bisognava aspettarselo da un tizio che aveva un conto in Svizzera", sostiene il video.

La squadra elettorale del candidato Mitt Romney ha immediatamente reagito a questo video, definendolo "un tentativo disperato" e affermando che il team di Obama sta cercando di distogliere l'attenzione degli elettori dall'economia reale.

Pressato dai suoi rivali nel campo repubblicano, il 24 gennaio Romney, ex investitore in capitali a rischio, il cui patrimonio è stimato in 190-250 milioni, ha pubblicato la propria dichiarazione dei redditi relativa ai due anni precedenti. Dalle carte emerge che il candidato repubblicano versa all'erario una percentuale del suo reddito (che ammonta a circa 20 milioni di dollari) pari al 13,9% per il 2010 e del 15,4% per il 2011. Obama e i suoi avversari alle primarie repubblicane avevano puntato il dito contro un conto bancario - nel frattempo chiuso - intestato alla moglie di Romney, Ann, aperto in una banca svizzera sul quale erano depositati tre milioni di dollari.


ATS
minols | 2 mag 2012 08:34

Articoli suggeriti
Il candidato repubblicano, sopra il 50%, nei sondaggi ha sette punti di vantaggio sul presidente uscente