Accedi13/23°

Irlanda: prete mostra per errore video gay hot a parrocchiani

Lascia la parrocchia dopo essere stato protagonista involontario di uno scandalo porno gay: protagonista di questa storia è Padre Martin McVeigh, il prete irlandese che ha accidentalmente mostrato immagini di uomini nudi omosessuali ai genitori di alcuni bambini che si preparavano alla loro Prima Comunione.

Il sacerdote, come riferisce la Cnn, si è affrettato a distruggere la sera stessa la memory card con le immagini hard "per evitare che potessero essere mostrate nuovamente", prima di lasciare la sua parrocchia e prendere un congedo sabbatico dal sacerdozio. Padre Martin ha ammesso subito lo scivolone ("il momento più difficile della mia vita", ha detto) e ha definito quelle immagini "inappropriate" chiedendo scusa "per il danno causato" e la sua "incapacità di controllare la presentazione in PowerPoint" prima di proiettarla nella scuola elementare di Pomeroy, nella contea di Tyrone, nell'Irlanda del Nord. Il sacerdote ha spiegato di non considerarsi tuttavia responsabile della presenza delle immagini incriminate, professandosi innocente.

I genitori hanno detto di essere "inorriditi" per quello che hanno visto e hanno chiesto di punire il prete. Interpellata da esponenti della chiesa irlandese, la polizia ha detto che comunque non è stato commesso un crimine. Scusandosi per il "dolore scatenato all'interno della parrocchia", Padre McVeigh ha chiesto al cardinale Brady di poter andare via e prendere un congedo sabbatico. "Il ricordo di questo episodio terribile rimarrà con me per il resto della mia vita ", ha detto, affranto, il sacerdote.

Il cardinale Brady ha detto di avere verificato che il parroco non era a conoscenza delle immagini pornografiche contenute nella scheda di memoria. Il cardinale ha spiegato di avere accettato la sua richiesta di aspettativa, al termine della quale il sacerdote portà tornare nella sua diocesi.

Lo scandalo a luci rosse di Pomeroy arriva dopo una serie di episodi di abusi sessuali sui minori in cui erano coinvolti membri del clero della Chiesa cattolica irlandese. Nel mese di marzo il Vaticano ha pubblicato un rapporto importante su questo problema chiedendo perdono alle vittime.


ATS
ATS | 29 apr 2012 19:15