Accedi13/24°

Egitto: migliaia manifestano davanti a Consiglio militare

Migliaia di manifestanti si sono radunati dall'alba di questa mattina davanti al ministero della difesa egiziano al Cairo, sede del Consiglio militare, per chiedere che rimetta il potere.

Movimenti rivoluzionari si sono uniti a esponenti salafiti e stanno inscenando un sit-in che sta bloccando le strade della zona, mentre sono tenuti sotto controllo da militari in assetto antisommossa e blindati. Secondo alcuni attivisti, stamani sono risuonati colpi di arma da fuoco.

All'interno del ministero della difesa è in corso una riunione fra il Consiglio militare, presieduto dal maresciallo Hussein Tantawi, e le forze politiche egiziane per trovare una via di uscita all'impasse dell'assemblea costituente, sospesa dalla corte amministrativa perché troppo sbilanciata a favore delle forze di ispirazione islamica.

Secondo l'agenzia Mena alla riunione non hanno perso parte, come previsto, i presidenti delle due camere del parlamento egiziano Saad el-Katatni, che è anche stato nominato presidente della Costituente contestata, e Ahmed Fahmi. Entrambi sono esponenti del partito dei Fratelli musulmani, Giustizia e Libertà.

I manifestanti, alcuni dei quali si sono distesi su una lunga bandiera egiziana srotolata per strada, chiedono anche la caduta del governo di Kamal el-Ganzuri e della commissione elettorale per le presidenziali, la cacciata di tutti gli esponenti del vecchio regime dal voto previsto per il 23 e 24 maggio, la liberazione dei detenuti politici, l'annullamento della legge d'emergenza e dei processi militari per i civili, oltre alla revoca dell'articolo della legge elettorale secondo il quale le decisioni della commissione elettorale sono inappellabili.


ATS
ATS | 28 apr 2012 13:39