Accedi13/24°

Germania: Westerwelle contrario a deroghe trattato Schengen

Il ministro degli Esteri tedesco Guido Westerwelle ha criticato oggi l'iniziativa franco-tedesca a sostegno della possibilità di sospendere, a prescindere dal consenso della Commissione europea, la libertà di movimento all'interno di Paesi Ue che hanno aderito al trattato di Schengen.

In un'intervista al settimanale Die Zeit in edicola domani, Westerwelle ha detto di considerare "non trattabile" la libertà di movimento nell'area di Schengen, perchè rappresenta "per tutti i cittadini il segno tangibile dell'Europa unita".

La scorsa settimana il collega di gabinetto Hans-Peter Friedrich, ministro degli Interni, e il suo omologo francese, Claude Gueant, avevano inviato alla presidenza danese di turno al consiglio europeo una lettera che sosteneva la possibilità di chiudere - fino a 30 giorni - i confini nazionali qualora un Paese dell'area Schengen non avesse adeguatamente protetto l'Ue. Anche senza l'accordo di Bruxelles.

"Dobbiamo fare attenzione a non mandare il messaggio sbagliato", ha commentato Westerwelle, riconoscendo poi anche l'influenza sull'iniziativa franco-tedesca della campagna elettorale per le presidenziali francesi.


ATS
ATS | 25 apr 2012 21:29