Accedi13/24°
Sfoglia la gallery

AUDIO: "Schettino, torni a bordo ca...!!!"

Ascolta due telefonate tra l'ufficiale della guardia costiera De Falco e il comandante Schettino. Foto: già creata la maglietta

La 2 telefonata della Capitaneria a Schettino

La prima telefonata (ascoltala nella sezione VIDEO)

"Cosa vuole fare, vuole andare a casa?". Lo domanda con voce alterata l'ufficiale della guardia costiera Gregorio Maria De Falco al telefono al comandante Francesco Schettino, in una chiamata dell'1,46 di sabato mattina. È una delle telefonate sequestrate dalla Procura, con il comandante che si lascia scappare anche un "abbiamo abbandonato la nave", prima di ritrattare. E quando dalla Capitaneria si dice che ci sono "già dei cadaveri", Schettino chiede "Quanti?". E l'ufficiale: "Deve dirmelo lei!".

Alle 00,32 la prima telefonata della Capitaneria al cellulare del comandante (secondo testimoni, già in salvo sulla scogliera). Gli viene chiesto quante persone sono ancora a bordo. Schettino risponde 2-300, cioè, come sottolinea una fonte qualificata dell'ANSA, sostiene che sarebbero state già evacuate 4 mila persone dopo soli 40' dall'abbandono nave. Ma è una cifra che ripete più volte nel corso della telefonata. "Ora torno sul ponte - assicura alla Capitaneria - Ero andato a poppa per capire cosa stava succedendo". "Rimarrà solo lei?", chiede la sala operativa. "Credo di rimanere solo io" replica.

Alle 00,42 una nuova telefonata al comandante. La sala operativa della Capitaneria chiede quante persone devono ancora essere evacuate. Schettino risponde: "Ho chiamato la società e mi dicono che ci sono un centinaio di persone". In realtà l'evacuazione è ancora nel pieno svolgimento, se non all'inizio. "Io sto coordinando" assicura Schettino all'ufficiale della Capitaneria. Ma pochi secondi dopo si lascia scappare prima la frase "Non possiamo salire più a bordo perchè stava appoppando". E poi: "Abbiamo abbandonato la nave". L'ufficiale della guardia costiera, sorpreso, a quel punto chiede: "Comandante, ha abbandonato la nave?". Il comandante ritratta: "No, no, macchè abbandonato la nave".

All'1,46 la telefonata più concitata: l'ufficiale della guardia costiera dà sulla voce del comandante. "Adesso lei va a prua, risale la biscaggina (la scala di corda delle navi, ndr) e coordina l'evacuazione. Ci dice quante persone ci sono ancora: se ci sono bambini, donne, passeggeri e il numero esatto di ciascuna di queste categorie. Vada a bordo. Cosa fa, lascia i soccorsi?". Schettino: "No, no, sono qua, sto coordinando i soccorsi". L'ufficiale ricomincia: "Comandante, è un ordine, ora comando io. Lei ha dichiarato l'abbandono nave, vada a prua, risalga sulla nave e vada a coordinare i soccorsi. Ci sono già dei cadaveri". Schettino: "Quanti?". L'ufficiale: "Deve dirmelo lei, cosa vuole fare, vuole andare a casa? Lei ora torna sopra e ci dice cosa si può fare, quante persone ci sono e di cos'hanno bisogno". Schettino di nuovo assicura: "Va bene, sto andando". Secondo la Capitaneria, tuttavia, non risalirà più a bordo.
 
La seconda telefonata (ascoltala nella sezione AUDIO)

L'ufficiale della guardia costiera comincia a sospettare che Schettino abbia lasciato ad altri il coordinamento dell'evacuazione e si sia messo in salvo e gli chiede come mai ha abbandonato la nave. Schettino risponde così: "Io non ho abbandonato nessuna nave. E' che la nave ha sbandato di poppa e siamo stati catapultati in acqua".
joe | 18 gen 2012 13:16

Articoli suggeriti
Video: quando Schettino celebrava un matrimonio sulla nave. Oggi l'ufficiale dal gip: rischia 15 anni di carcere
Le vittime salgono a 11. Chiesto l'arresto di Schettino: agli inquirenti ha confermato di aver fatto tutto il possibile
Manovra eroica? Il comandante è smentito dalla posizione del timone, rivolto verso il largo: l'ultima virata causata dall'acqua imbarcata
La sera del naufragio il comandante era con una bella donna e a cena ha bevuto diversi bicchieri di vino. Mareggiate in vista