Accedi

Roche accusata di corruzione in Russia

Il colosso farmaceutico al centro di un'indagine su possibili attività irregolari commesse da alcuni suoi ex dipendenti

Prima Novartis in Grecia e ora Roche in Russia. I due giganti farmaceutici vengono accusati di aver corrotto medici affinché questi preferiscano i loro prodotti.

"Roche Russia è stata informata attraverso un comunicato ufficiale della polizia su un'indagine in corso riguardo a possibili attività di corruzione da parte di ex dipendenti", ha indicato oggi Roche all'ats confermando una notizia di "Handelszeitung".

Secondo i media russi al centro dell'indagine vi sarebbero quattro ex dipendenti che erano attivi presso Roche fino al 2014. I loro appartamenti sarebbero stati perquisiti. Indagini di questo tipo - secondo la "Handelszeitung" - sono state effettuate anche negli uffici di Roche a Mosca.

A questo proposito il colosso farmaceutico basilese indica che "tutti i dipendenti e tutti coloro che diventano attivi in nome di Roche sono tenuti a rispettare il codice di condotta del gruppo, indipendentemente da dove e in quale ambito lavorino". E sottolinea che anche in Russia "codice di condotta, legislazione locale e direttive rilevanti" sono vincolanti in collaborazione con i rappresentanti sanitari.

Anche l'altro gigante farmaceutico basilese Novartis è oggetto di un'indagine in Grecia per aver corrotto medici e funzionari allo scopo di promuovere i suoi prodotti nel Paese ellenico. Le accuse sono rivolte anche a ex membri del governo greco.

ATS/Red | 7 mar 2018 17:30